Venezuela, caos magliette: lo sponsor non consegna, lo staff va alla Decathlon…

Venezuela, caos magliette: lo sponsor non consegna, lo staff va alla Decathlon…

Episodio vergognoso capitato ieri per la partita di Girona contro la Catalogna

di Redazione ITASportPress

Se da una parte Catalogna-Venezuela di lunedì sera a Girona verrà ricordata per la storica vittoria della selezione di casa, la prima in una finestra dedicata alle Nazionali Fifa (per quanto non sia ancora riconosciuta dal massimo organo calcistico mondiale), dall’altra per il caos che riguarda le divise con cui sono scesi in campo i calciatori della formazione sudamericana.

Infatti, lo sponsor tecnico del Venezuela Givova, fornitore ufficiale, non ha consegnato in tempo le magliette per la partita, così lo staff ha dovuto arrangiarsi correndo ad acquistarne la quantità necessaria presso la Decathlon più vicina, per poi attaccare il logo della Nazionale al posto della scritta Quechua (noto marchio della catena di abbigliamento e articoli sportivi).

Fra i più arrabbiati per tale vergognosa situazione il centrocampista del Torino Thomas Rincon, il capitano della sua Nazionale, che si è espresso tramite il proprio canale Instagram: “Già solo una maglietta e un pantaloncino sono pochi con una temperatura così fredda, e poi non è di certo una soluzione dover andare a comprare le magliette e stamparle da noi. Chiedo il massimo rispetto per la nostra maglia e la nostra squadra. Tutto ciò è vergognoso”.

Anche Salomon Rondon, compagno di squadra, si è detto inorridito per la situazione che si è venuta a creare, postando una Instagram Stories in cui critica il fornitore ufficiale del Venezuela per la mancanza.

Postiamo di seguito anche il tweet della Decathlon: “Il Venezuela, senza il rifornimento di maglie, contro la Catalogna ha dovuto giocare con le nostre divise della Quechua camuffate”.

Insomma, uno scompiglio che agita ancora di più il Venezuela, con il c.t. che qualche giorno fa ha minacciato di volersi dimettere per la situazione politica focosa che sta attraversando la Nazione in queste ore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy