Otto anni fa l’Italia puniva la Germania: ecco dove sono oggi quei giocatori

Otto anni fa il successo degli uomini di Prandelli durante la semifinale degli Europei 2012

di Redazione ITASportPress

Era il 28 giugno 2012, si giocava a Varsavia in una tiepida sera d’estate la semifinale degli Europei 2012 tra Germania e Italia. L’Italia vinse quella sera per 2-1 grazie alla doppietta di Mario Balotelli, con gli uomini guidati da Cesare Prandelli che hanno rischiato qualcosa soltanto nel finale col rigore di Mesut Özil che aveva riaperto il match. Andiamo a vedere dove sono finiti a otto anni di distanza tutti i protagonisti di quella serata.

IL COMMISSARIO TECNICO

Prandelli (Getty Images)

L’Italia guidata da Cesare Prandelli vinse in quel momento una serata che fece sognare milioni di tifosi. Oggi però non tutti i protagonisti di allora sono riusciti a restare nell’orbita del calcio ad alti livelli. Lo stesso commissario tecnico della Nazionale del 2012 da qualche stagione è alla ricerca di una panchina che potesse garantirgli un progetto tecnico continuativo: dopo l’esperienza con gli Azzurri però per Prendelli le esperienze con i club non sono state esaltanti. L’ultima si è conclusa a Genova sponda rossoblu, dove è riuscito ad ottenere nel campionato 2018/19 una salvezza in Serie A all’ultima giornata, non venendo riconfermato a vantaggio di Andreazzoli.

IL MURO DIFENSIVO

Il blocco difensivo Buffon, Bonucci e Chiellini sono ancora in attività e giocano nella JuventusSirigu gioca titolare al TorinoAngelo Ogbonna ormai da diversi anni milita tra le fila del West Ham. Diversa storia invece per Balzaretti: l’ex terzino di Roma e Palermo, dopo un trascorso dirigenziale coi giallorossi ha abbandonato la società capitolina per avviare la carriera di commentatore sportivo presso Dazn.

LA QUALITÀ DEL CENTROCAMPO

A centrocampo Montolivo, Marchisio, Pirlo, De Rossi e Nocerino hanno appeso gli scarpini al chiodo, con i primi due che devono ancora decidere cosa faranno “da grandi”, e gli ultimi tre che con ogni probabilità li ritroveremo in panchina in un prossimo futuro. Chi ha appeso gli scarpini al chiodo e ha già avviato la carriera da allenatore è Thiago Motta, con la sua ultima esperienza non fortunata sulla panchina del Genoa.

ATTACCO FANTASIA

Balotelli e Cassano (Getty Images)

In attacco Cassano insieme a Balotelli formarono una delle migliori coppie d’attacco di quella competizione. Il primo ha appeso gli scarpini al chiodo nel 2017 dopo un tira e molla con Hellas Verona e Virtus Entella per un probabile ritorno in campo, il secondo gioca in Serie A col Brescia, rendendosi protagonista delle cronache sportive nazionale per i dissidi (ormai sembra risolti) con allenatore e società. Tra coloro che giocano ancora in Serie A c’è anche Fabio Borini, attaccante dell’Hellas Verona; Giaccherini, utilizzato da Prandelli come esterno offensivo, gioca in Serie B col Chievo Verona. Alino Diamanti e Sebastian Giovinco giocano ancora, ma all’estero: il primo ha passato l’ultima stagione calcistica in Australia, presso il Western United FC, militante nella A-League australiana, e il secondo ormai da un anno gioca con l’Al-Hilal, dopo aver trascorso diversi anni in Canada col Toronto. L’unico tra gli attaccanti ad aver avviato una carriera da allenatore è Totò Di Natale, che dopo un anno da collaboratore di Pasquale Marino allo Spezia, adesso allena le giovanili della squadra ligure.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy