gazzanet

Pagliuca: “Donnarumma, rinnova subito col Milan. Se Buffon fosse del Barcellona…”

Getty Images

L'ex portiere, intervistato da Il Giorno, analizza diversi estremi difensori del nostro campionato sfornando anche diversi consigli

Redazione ITASportPress

Gianluca Pagliuca, intervistato da Il Giorno, parla di portieri sfornando anche diversi consigli; ecco quanto dichiarato dall'ex estremo difensore di Sampdoria, Inter, Bologna e Ascoli:

DONNARUMMA - "Se fossi in lui non ci penserei un secondo e firmerei subito il rinnovo di contratto. Primo, per un fatto di riconoscenza: non sono così convinto che alla Juventus o all’Inter avrebbero dato una maglia da titolare a un sedicenne, per quanto bravo come lui. Secondo, perché ha il futuro davanti e dunque tutto il tempo per approdare a un top club all'estero. Terzo, perché magari coi cinesi il Milan torna davvero ad essere un top club".

REINA - "Lo spagnolo ha grande carisma, ma quest'anno troppo discontinuo: qualche sconfitta pesante del Napoli è arrivata per colpa sua. Il suo sostituto ideale è Szczesny, che la Roma non riscatterà. Anche perché tra Alisson e Skorupski i portieri del futuro la Roma li ha in casa".

HANDANOVIC - "Va sempre col suo passo: 4-5 buone prestazioni e poi un errore. Ma lo metto comunque sul podio dei più affidabili".

HART"Quest’anno non si è espresso per quello che è il suo valore: troppi errori. E un altro che è stato discontinuo è Tatarusanu".

BUFFON - "Dico solo che a portieri invertiti sarebbe andato in semifinale il Barcellona. Gigi è un monumento del calcio mondiale, ma fa ancora la differenza. Penso che nella sua testa abbia già tracciato un percorso: alzare la Champions League con la Juventus, provare a vincere la Coppa Intercontinentale, fare i Mondiali di Russia 2018 e poi farsi da parte".

POSSONO INTERESSARTI ANCHE...

"[embedcontent src="videogazzetta" url="http://video.gazzetta.it/milan-donnarumma-allenamento-non-passa-gol/bde5b244-d75f-11e6-a8ec-661998b7c716?playlistId=2322772e-829e-11e3-b36d-880d08f7a451&vclk=HP"]

Potresti esserti perso