Paolo Cannavaro: “Non potevo dire no a mio fratello Fabio”

Paolo Cannavaro: “Non potevo dire no a mio fratello Fabio”

“Il calore umano che ho sentito in questi anni al Sassuolo è unico e dico grazie anche al dottor Squinzi che mi ha permesso di andare via”

di Redazione ITASportPress

A 36 anni, Paolo Cannavaro ha deciso di dire addio al calcio giocato. Il difensore ha accettato la proposta del fratello Fabio e inizierà in Cina la carriera da collaboratore tecnico al Guangzhou. Quest’oggi, il nativo di Napoli ha parlato nella sua ultima conferenza stampa da calciatore: “Lascio una famiglia che ringrazio per l’opportunità che mi ha dato. Ma non potevo dire di no a mio fratello Fabio. Il calore umano che ho sentito in questi anni al Sassuolo è unico e dico grazie anche al dottor Squinzi che mi ha permesso di andare via. Non vedo l’ora di raggiungere Fabio in Cina. Purtroppo la vita ci ha divisi presto e ho voglia di stare con lui. Vedere le gare italiane solo in tv farà un effetto strano, ma non ho rimpianti perchè ho deciso io di lasciare. Mi mancherà invece la quotidianità con questi fantastici compagni che ho trovato al Sassuolo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy