Paolo Rossi: “Napoli-Juventus alla pari. La squadra di Sarri sembra il Barça di Guardiola”

Paolo Rossi: “Napoli-Juventus alla pari. La squadra di Sarri sembra il Barça di Guardiola”

Il centravanti campione del mondo 1982 pesa le duellanti per lo scudetto: “Decideranno i dettagli e lo scontro diretto”

di Redazione ITASportPress
Paolo Rossi

Equilibrio perfetto, valori di squadra simili e anche caratteristiche pressoché identiche, pur in uno sviluppo di gioco differente. Questa la corsa scudetto tra Juventus e Napoli secondo il pensiero di Paolo Rossi.

Il capocannoniere del Mondiale 1982, ora opinionista per Premium Sport, è stato intervistato da Il Mattino che lo ha chiamato a “pesare” le chances delle due grandi rivali per la conquista dello scudetto. E dall’analisi di Pablito una favorita non c’è, grazie alla rimonta del Napoli sui bianconeri…: “Il Napoli ha raggiunto il livello della Juve sotto tanti aspetti, dalla forza della difesa alla mentalità. Nessuna delle due squadre perde colpi, devono vincere ogni settimana e riescono a farlo, è una cosa pazzesca. Del Napoli mi colpisce il gioco, la capacità di non smarrirlo mai e di non perdere i propri automatismi anche quando va sotto come contro la Lazio. La Juventus invece è super per la duttilità, per la capacità di arrivare al successo con uomini e schemi diversi”.

In questo senso la panchina più lunga di Allegri può rappresentare una risorsa decisiva? “Non so, perché il Napoli giocando sempre con gli stessi giocatori ha acquisito meccanismi perfetti, Allegri invece è bravo a far ruotare tutti e ha il coraggio di tenere fuori anche grandi campioni se non sono in condizione”.

Secondo Rossi, uno che la Champions la conosce, il paragone tra la squadra di Sarri e il calcio di Guardiola è appropriato: “Molte cose sono in comune, dall’aggressione al tenersi sempre alti alla capacità di macinare sempre gioco”.

Inevitabile quindi pensare che lo scontro diretto possa essere decisivo: “Bisognerà vedere come reagiranno ad un eventuale passo falso, in questo senso il prossimo turno sarà importante con il Napoli in casa contro la Roma e la Juventus sul campo della Lazio, ma il rischio concreto è che si vada oltre i 100 punti: se continueranno a restare incollate penso proprio che la sfida diretta sarà decisiva”.

Interrogato sui possibili uomini decisivi, Pablito non ha dubbi: “Dybala è appena rientrato, ha classe superiore e se ritrova la condizione sarà un fattore. Dall’altra parte la crescita di Insigne, che adesso in campo fa quello che vuole, può fare la fortuna del Napoli”.

Sarri si ispira alla Grande Olanda

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy