Pescante annuncia l’addio: “Malagò membro Cio. Lascio lo sport dopo 60 anni”

L’ex presidente del Coni ha presieduto l’assemblea elettiva della Federcalcio

di Redazione ITASportPress

È toccato a Mario Pescante aprire l’assemblea elettiva della Federcalcio, che ha in Gabriele Gravina il candidato unico destinato a succedere al Commissario Straordinario Roberto Fabbricini.

Pescante ha presieduto l’Assemblea, cogliendo l’occasione per annunciare il proprio addio al mondo dello sport: “Devo fare una confessione personale. E’ una giornata importante per il calcio italiano, ma anche per me. All’assemblea dello sport più amato dagli italiani comunico che oggi mi congedo dalla dirigenza sportiva italiana dopo 60 anni di militanza. Giovanni Malagò è diventato membro del Cio. Quando finirà questa assemblea uscirò dalla porta principale in una giornata bella per lo sport italiano che si è scosso finalmente. I presupposti ci sono e la ripartenza in parte c’è già stata”.

Pescante, che ha compiuto 80 anni a luglio, è stato mezzofondista in gioventù, prima di abbracciare la lunga carriera dirigenziale. Entrato nel Coni nel 1973 come segretario generale, ne è divenuto presidente nel 1993 al posto di Arrigo Gattai, fino al 1998.

Membro Cio dal 1994, Pescante è stato vice-presidente vicario del Comitato Olimpico Internazionale tra il 2009 e il 2012, primo italiano a ricoprire l’incarico. È stato infine sottosegretario ai beni culturali con delega allo sport durante il secondo e il terzo governo Berlusconi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy