Preziosi: “Rischio campionato falsato. Asl sollecitata da De Laurentiis ma…”

Parla il patron del Genoa dopo i fatti legati al contagio da Coronavirus che ha coinvolto poi anche il Napoli

di Redazione ITASportPress
Preziosi

Dopo il caso della partita fantasma tra Juventus-Napoli, parla Enrico Preziosi, patron del Genoa. Il Grifone era stata la prima squadra di Serie A a contare un numero di contagi da coronavirus elevati ma solo dopo aver disputato il match contro i partenopei che poi, a distanza di qualche giorno, hanno fatto registrare le positività di Zielinski ed Elmas generando i fatti ormai noti pre la gara di Torino contro i bianconeri. Intervenuto nel corso della trasmissione Tiki Taka, il presidente del club ligure ha commentato la vicenda.

Preziosi: “Rischio campionato falsato. Asl sollecitata da De Laurentiis”

Napoli-Genoa, getty images

“Parlare dopo sole tre giornate è prematuro, ma siamo di fronte a un campionato anomalo e il rischio che possa essere falsato esiste“, ha detto Preziosi che su Juventus-Napoli ha aggiunto: “È vero che la ASL è stata sollecitata da De Laurentiis, ma quando un ente superiore ti dice che non puoi fare una cosa non puoi farla. Io sono per giocare le partite in una condizione normale e a me quella del Napoli sembrava una situazione normale”.

Sul suo Genoa colpito duramente dal coronavirus: “Col senno di poi si è capito perché fossero debilitati ma i tamponi avevano dato esito negativo. Solamente dopo qualche giorno hanno manifestato i sintomi relativi al Covid-19”. E ancora sui calciatori e i protocolli: “Non possiamo tenerli come i polli in una batteria. Non possiamo tenerli rinchiusi, aprire lo sportello e dirgli di andare a giocare. I calciatori sono persone, non possiamo limitare la libertà altrui. Se poi un ragazzo la sera va con un amico o in famiglia, si contagia e contagia gli altri questo non possiamo prevederlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy