Raiola: “Calcio italiano senza futuro se il razzismo non verrà debellato”

L’agente italo-olandese duro dopo i fatti di Inter-Napoli: “Dove sono le istituzioni?”

di Redazione ITASportPress
Raiola

Intervistato dall’Ansa, il noto agente di calciatori Mino Raiola ha commentato i fatti avvenuti prima e durante la partita tra Inter e Napoli, soffermandosi in particolare sul nuovo caso di razzismo che ha visto coinvolto il difensore degli azzurri Kalidou Koulibaly, vittima di ululati razzisti provenienti dalla curva dei sostenitori nerazzurri: “Il razzismo è una cosa ignorante per definizione. Parlare a degli ignoranti è sempre difficile, ma bisogna lottare uniti tutti insieme” ha detto il manager, tra gli altri, di Balotelli, Insigne, Manolas e Pogba.

L’agente italo-olandese punta poi il dito sulle istituzioni e prevede scenari foschi se non si riuscirà a debellare il problema: “Dov’è il governo, quello politico, ma anche quello calcistico? Dov’è la solidarietà tra club e tra giocatori. Questo è un problema che riguarda tutti, se l’Italia non riuscirà a debellare questo cancro qui il calcio non avrà futuro. Purtroppo il calcio è lo specchio di una società”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy