Rangnick: “Contatti da ottobre col Milan, ma giusto confermare Pioli. Su Maldini e Ibrahimovic…”

“Da esterno ci si può chiedere se la proprietà sia davvero contenta dei risultati in rapporto al denaro investito”

di Redazione ITASportPress
Rangnick

Ralf Rangnick dice la sua sul Milan e sulla situazione che lo ha visto protagonista dei rumors di mercato degli scorsi mesi. Il manger tedesco, ex responsabile dell’area tecnica del gruppo Red Bull Calcio, ha rilasciato una lunga ed interessante intervista a La Gazzetta dello Sport dove non ha certo risparmiato qualche stoccata alla società rossonera.

Rangnick: “Contatti da ottobre ma giusto confermare Pioli”

Ibrahimovic
Ibrahimovic (getty images)

“I primi contatti col Milan risalgono a fine ottobre, quando la squadra era in una situazione complicata a tre punti dalla zona retrocessione”, ha dichiarato Rangnick che conferma dunque le voci che erano ormai note. “Io non ne ho mai parlato in pubblico, ma non c’era alcun contratto o penale”. E sulla conferma di Pioli: “Era giusto confermarlo, si l’è meritato. La sua squadra è stata la migliore post coronavirus: cambiare allenatore non sarebbe stato saggio, né rispettoso. Se poi è la scelta giusta nel medio e lungo termine, è un’altra questione”.

Sulla società Milan, le scelte di mercato di Maldini e il futuro di Ibrahimovic: “Posso parlare di Maldini ex calciatore: è stato straordinario, una leggenda vera e propria. Ma non posso dire lo stesso da direttore sportivo: semplicemente, non lo conosco in questo ruolo. Da esterno ci si può chiedere se la proprietà sia davvero contenta dei risultati in rapporto al denaro investito negli ultimi anni. Ibrahimovic? Non è nel mio stile insistere su giocatori di 38 anni: non perché non siano abbastanza bravi, e Ibra certamente lo è, ma perché preferisco creare valore e sviluppare il talento”.

INCIDENTE PICCANTE PER LA COMPAGNA DI UN CALCIATORE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy