ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

IL MISTER

Ranieri: “Lotta scudetto aperta. Italia? Non sottovalutiamo la Macedonia”

Ranieri (getty images)

Intervenuto a Radio Anch’Io, nel corso di Radio 1 Rai, Claudio Ranieri, storico mister, ha commentato i temi caldi dell’attualità del calcio italiano. DERBY DI ROMA – “Mourinho è la persona giusta per riportare la Roma in...

Redazione ITASportPress

Intervenuto a Radio Anch'Io, nel corso di Radio 1 Rai, Claudio Ranieri, storico mister, ha commentato i temi caldi dell'attualità del calcio italiano.

DERBY DI ROMA - "Mourinho è la persona giusta per riportare la Roma in alto. Ha già trovato la via, ma dategli tempo. Zaniolo in panchina come io feci con De Rossi e Totti? Sicuramente può aiutarlo a crescere. Penso che l'allenatore ha in mano la situazione dello spogliatoi e degli allenamenti".

FUTURO - "Le vacanze ci sono, ma sono forzate. Quando arriverà un buon progetto, tornerò in pista (ride ndr)".

SCUDETTO - "Il Milan sta giocando in modo spumeggiante. E' bello vedere il Milan. Pioli ha il polso della situazione, ma tutti possono competere ancora. Molto dipenderà dalle gare che si andranno a disputare". "Inter con 1 vittoria nelle ultime sette gare? All'inizio l'Inter non era partita con i favori del pronostico e Inzaghi ha fatto un mezzo miracolo. Adesso bisogna vedere queste ultime 9 gare. Il potenziale c'è, e tanto. Ci sono campioni con esperienza, gente che ha vinto. Conta anche l'esperienza di stare in ballo. Io non vedo l'Inter esclusa dalla corsa scudetto. Ora ci sono Juventus e Roma da affrontare ma se la gioca. Non la vedo fuori dalla corsa scudetto".

JUVENTUS - "Rimonta in campionato ma fuori dalla Champions? Credo sia una questione di ritmo. Ogni gara, parlo soprattutto per l'Inghilterra, sembra una finale. Il ritmo ci lega in male agli altri campionati. In Italia si pensa di più alla tattica. Magari all'estero non sono alla nostra altezza, ma magari a livello di pressione, voglia di lottare e di fare gol sono avanti".

NAPOLI - "Sicuramente il Napoli può mirare allo scudetto. L'importante è che il tifo dia il suo sostegno perché lì è viscerale proprio. Osimhen sta facendo un campionato eccellente, Fabian Ruiz lo stesso. Osimhen dipendente? Non credo ma anche Fabian lo è, Insigne lo è. Io non vedo nessuno fuori dalla corsa scudetto".

VAR - "Io sono favorevole alla moviola perché ha eliminato tanti errori. L'arbitro è uomo e può sbagliare e alle volte il VAR andrebbe usato meglio. Sicuramente è migliorabile". "Giusto puntare su arbitri giovani anche se l'esperienza serve, vedasi Orsato ieri in Venezia-Sampdoria".

NAZIONALE - "Italia contro la Macedonia? Il rischio è proprio l'ottimismo. Bisogna pensare a passarla. Non bisogna sottovalutare la Macedonia e poi, eventualmente, pensiamo a quella successiva".

ALLENATORI - "Italiano sta facendo un grande lavoro alla Fiorentina. Ma posso dire lo stesso a Juric e Tudor che stanno facendo un grande lavoro". "Pioli e il Milan? Mi piace molto Stefano. E' un ragazzo preparato e calmo e questo si vede. Mi piace molto come abbia costruito quello spogliatoio. Si vede che c'è un entusiasmo e una gioia particolare".

ATALANTA - "La più europea delle italiane? Credo che il segreto sia l'ambiente, il mister. Gasperini è stato in grado di fare a meno di Ilicic in questa stagione, di Papu Gomez la scorsa. Intensità, fisicità. L'Atalanta gioca come gioca una squadra inglese: determinazione, intensità e ritmo. Va sempre all'attacco".

DYBALA - "Io non lo lascerei mai andare via. Amo il giocatore che lega il centrocampo all'attacco e fa l'ultimo passaggio. Ma non sono considerazioni che devo fare io, ma la società bianconera".

CHAMPIONS - "Italia non ai quarti in Champions? Soldi e idee fanno la differenza. Poi ci sono dei momenti storici. Prima c'eravamo noi, poi le spagnole, le inglesi. Riusciremo a trovare la soluzione".

CHELSEA - Da ex Blues, Ranieri ha commentato la situazione del Chelsea: "Abramovich quando è arrivato nel 2003 era un uomo entusiasta di entrare nel calcio. Aveva gli occhi di un bambino che entrava in un negozio di giocattoli. Mi auguro che si torni alla normalità ma è brutto vedere la Russia sportiva fuori dallo sport. Non so se sia stato giusto".

 Ranieri, getty images
tutte le notizie di