Ronaldo racconta: “Inter? Il mio anno migliore fu al Barcellona”

Il Fenomeno ha ripercorso la propria carriera: “Non andai al Flamengo per colpa di mia madre”

di Redazione ITASportPress

Ronaldo ha rilasciato una lunga intervista nell’ultima puntata della trasmissione “Canal Zico 10”, trasmissione su You Tube che racconta i protagonisti della storia del Flamengo.

Il Fenomeno in rubonegro non ha però mai giocato. Ecco spiegato il perché…

“Prima di approdare al San Cristoval feci un provino con il Flamengo. Avevo 10 anni, c’erano due autobus per andare e due per tornare, ma alla terza volta mia madre mi disse che dovevo interrompere tutto per problemi famigliari. Andai al San Cristoval, ma fu un dolore enorme perché il mio sogno era giocare nel Flamengo, ma il club non aveva colpa: c’erano tanti ragazzi e non potevano aiutarmi nei trasporti se non ero tesserato. Poi a 16 anni andai al Cruzeiro e l’anno dopo debuttai nel campionato mineiro”.

Ronaldo ha poi raccontato la svolta… fisica dei tempi del Barcellona: “Quando passai dal PSV al Barcellona il mio pesò salì da 78 a 82 kg. Quello fu l’apice della mia condizione fisica. A me interessava solo giocare e vincere, mentre i giovani di oggi non capiscono che bisogna sacrificarsi, anche quando si è infortunati, perché superare la sfortuna ti rende più forte. Dopo il primo infortunio che subii contro l’Inter a 24 anni scoprii di avere una forza interiore che non pensavo di possedere”.

Divertenti anche i racconti degli anni vissuti al Real Madrid: “Il periodo al Real è stato il più bello e divertente della mia carriera, dentro e fuori dal campo. Era bellissimo allenarsi con giocatori come Zidane che faceva cose incredibili, impossibili da mostrare in allenamento. Uno dei giocatori più talentuosi della squadra però era Guti. Aveva una visione di gioco incredibile, appena vedeva un compagno riusciva a trovare uno spazio per far passare il pallone”.

Le magie di Ronaldo con la maglia dell’Inter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy