ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

A 360°

Rui Costa: “Euro 2004 il momento peggiore della mia carriera”

Rui Costa (getty images)

L'ex calciatore si racconta nel giorno del suo 50esimo compleanno

Redazione ITASportPress

Rui Costa festeggia oggi il suo cinquantesimo compleanno e nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano portoghese Recordha ricordato alcune tappe della carriera soffermandosi su quanto lasciato come "eredità" nei vari club in cui ha giocato ma anche sulla Serie A da lui vissuta quando il campionato italiano era al vertice del calcio europeo e mondiale.

SERIE A - "Ho sempre cercato di cogliere le opportunità che la vita mi ha dato con le unghie e con i denti. A 22 anni era arrivato in quel calcio che, negli anni ’90, era al vertice in Europa, per di più in un’epoca in cui non c’era ancora la sentenza Bosmann e quindi trasferirsi non era così facile come oggi. È stato un grande traguardo per me", ha detto Rui Costa.

TRAGUARDI E SCONFITTE - "Sono andato vicino al Pallone d'Oro? Non ne ho idea di quanto ci sia andato più vicino. Penso che il mio Pallone d’Oro di oggi debba essere considerato per quei ricordi che ho lasciato nella squadre in cui ho giocato. Essere riconosciuto come un professionista da loro". Sui momenti bui vissuti: "Senza dubbio Euro 2004 il peggiore della mia carriera. Ho perso alcune finali come quella di Champions League nel 2005, ma quella era peggiore. Mi mancava questo titolo ed era così vicino".

 Rui Costa (getty images)
tutte le notizie di