Italia, l’ex Sacchi: “Il calcio di Ventura è pessimista. Abbiamo mentalità disastrosa”

“Dobbiamo provare a giocare più a calcio, a dare emozioni alle persone”

di Redazione ITASportPress

Arrigo Sacchi analizza il difficile momento che sta attraversando l’Italia, che dopo 60 anni non sarà protagonista ai Mondiali; ecco quanto dichiarato dall’ex c.t. degli azzurri: “Ventura ha fatto cose buone. Ha convocato molti giovani giocatori dimostrando coraggio e ha spinto per la ricerca della bellezza, come solo i più grandi fanno. E’ sempre stato un allenatore positivo, doveva semplicemente fare un miglior uso dei giocatori offerti dalla Serie A. Doveva mettere Insigne, il giocatore più in forma del momento. Neanche il suo sistema di gioco è stato dei migliori: il suo non era un 3-5-2, ma un 5-3-2 e in Italia nessuno gioca con cinque difensori, neanche il Milan che gioca con tre centrale e due fluidificanti. La difesa a cinque è un invito al pessimismo. Il calcio è cambiato in Italia e nel mondo. E che l’Italia è un vecchio paese ed è per questo che è difficile cambiare il calcio. Ma stiamo provando a cambiare quella mentalità, dobbiamo provare a giocare più a calcio, a dare emozioni alle persone. Il Napoli di Sarri, per esempio, gioca molto bene. L’anno scorso è arrivato terzo, ma nel nostro paese la mentalità non va oltre il primo posto e questo in Italia è un disastro. Il Napoli, esattamente come il mio Milan, ha una identità”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy