Sacchi su Maradona: “Era come avere una spada di Damocle sulla testa”

Il tecnico di Fusignano ricorda i tempi in cui, alla guida del Milan, sfidava il Napoli dell’ex fuoriclasse argentino

di Redazione ITASportPress
Sacchi

Oggi l’avversaria del Napoli per lo Scudetto è la Juventus, ma trent’anni fa circa la sfida era con il Milan di Arrigo Sacchi.

Ai tempi ad illuminare il San Paolo ci pensava Diego Armando Maradona, che ha portato due volte gli azzurri sul tetto d’Italia, protagonista di sfide memorabili contro i rossoneri.

Proprio tecnico di Fusignano, nel salotto di Premium Sport, ha ricordato così l’ex fuoriclasse argentino:

“Maradona era incredibile, ricordo che a San Siro una volta li assediammo, poi Maradona e Careca toccarono il pallone mezza volta e ci fecero gol. Dissi alla panchina: ‘così non vale’. Giocare contro Diego era come avere una spada di Damocle sulla testa, prima o poi ti colpiva. Una volta riuscimmo ad arrivare all’intervallo sullo 0-0 a San Siro, i tifosi ci applaudirono e io dissi negli spogliatoi: ‘ragazzi, finora ci ha perdonato, ora o segniamo noi, o segna lui'”.

Maradona-Belen, ballo perfetto da Maria De Filippi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy