ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

GODERSI TUTTO

Santi Cazorla: “Infortunio alla caviglia mi ha cambiato. I 2 anni peggiori della carriera”

Santi Cazorla (getty images)

In Europa ha avuto una bellissima e importante carriera tra club e Nazionale. Adesso, Santi Cazorla gioca in Qatar nell’Al-Sadd e ha deciso di terminare la sua vita sportiva in questo club. Dopo il terribile infortunio subito in passato alla...

Redazione ITASportPress

In Europa ha avuto una bellissima e importante carriera tra club e Nazionale. Adesso, Santi Cazorla gioca in Qatar nell'Al-Sadd e ha deciso di terminare la sua vita sportiva in questo club. Dopo il terribile infortunio subito in passato alla caviglia, con le immagini del suo piede che erano diventate virale ed erano state riportate da tutti i media, lo spagnolo era riuscito a tornare nel calcio che conta e nel 2018 ha messo fine all'incubo tornando al Villarreal dopo quasi 2 anni di inattività. Poi, nel 2020, il passaggio in Qatar e una consapevolezza diversa riguardo alle motivazioni che lo spingono a giocare ancora.

Intervistato da Goal, il classe 1984 ha raccontato il suo calvario ma anche quella che può definirsi a tutti gli effetti la sua rinascita: "Sto iniziando a sentirmi a mio agio. È vero, ho bisogno di un po' più di tempo, ma ora sono di nuovo al 100%. La cicatrice? Ora mi sento bene. Sono stati forse i due anni peggiori della mia carriera perché ho dovuto fermarmi. È stato un infortunio molto difficile, ma fa parte del calcio, parte della vita. È difficile da spiegare, ci sono stati molti errori in poco tempo. Devo essere positivo. Ho molti amici. Ho la mia famiglia dietro di me e svolgono un ruolo molto importante nel recupero. Come mi ha cambiato l'infortunio? Cerco di godere dei più piccoli dettagli. Quando non hai un infortunio, non vedi come è il calcio in generale e quando sei fuori per due anni cerchi di goderti di più tutto".

Santi Cazorla ha poi proseguito: "Perché ho scelto l'Al-Sadd? Xavi mi ha chiamato molte volte, mi ha spiegato che è uno dei migliori club in cui giocare poco prima del ritiro. E, naturalmente, per me, è un onore essere qui con lui. Un difensore contro cui ho giocato è Mehdi Benatia, l'anno scorso mi ha dato del filo da torcere contro l'Al Duhail". E sulle prospettive future: "La mia idea è di terminare la carriera qui".

 Una prima pagina di Marca che mostrava il piede del calciatore

Una prima pagina di Marca che mostrava il piede del calciatore

tutte le notizie di