Scala su Buffon: “Orgoglioso di averlo fatto esordire. Ritiro? Spero che continui”

“Lo vedo cresciuto come uomo, farà una scelta seria e serena: qualsiasi decisione prenderà, difficilmente sbaglierà”

di Redazione ITASportPress

Ieri ha spento 40 candeline Gianluigi Buffon, portiere e capitano della Juventus che esordì in Serie A con la maglia del Parma in un match casalingo contro il Milan nella stagione 1995/96. Quella partita, contro i futuri campioni d’Italia, terminò a reti inviolate anche grazie alle parate del nativo di Carrara che viene ricordato così da Nevio Scala, ex allenatore dei ducali che lo lanciò nel calcio che conta, a “Radio Anch’io Sport”, trasmissione in onda sulle frequenze di Radio 1: “L’esordio di Buffon è difficile da dimenticare, era un ragazzino. Gli ho mandato un video messaggio in cui gli ho ricordato il momento in cui gli annunciai che avrebbe esordito contro il Milan, lui mi rispose che non c’era problema. Durante quella settimana mi ero accorto che aveva qualità superiori a Nista, evidentemente Gigi approfittò della serenità che c’era in quello spogliatoio. Sono orgoglioso di averlo lanciato, ma non avrei mai immaginato che sarebbe arrivato a 40 anni. La sua fortuna è la sua famiglia, che si è dimostrata molto solida. Si è circondato di persone positive, questo fa la differenza. Ritiro? E’ una scelta sua, mi piacerebbe che lui continuasse a giocare. Lo vedo cresciuto come uomo, farà una scelta seria e serena: qualsiasi decisione prenderà, difficilmente sbaglierà. Sarà comunque ricordato per quello che ha fatto, lo vedo molto maturo: è primo in molte classifiche, gli auguro di diventare primo anche come uomo e come padre”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy