Scandalo in Paraguay: storia d’amore tra il presidente e un giocatore

Scandalo in Paraguay: storia d’amore tra il presidente e un giocatore

Accade in quarta serie: l’agente del calciatore pubblica la foto e il presidente va su tutte le furie strappando il contratto

di Redazione ITASportPress

Questa non si era ancora vista. La storia del calcio è piena di scandali, ma quanto è accaduto in Paraguay non ha davvero precedenti.

La squadra è il Rubio Ñu, iscritta alla quarta serie, e i protagonisti della storia sono il presidente Antonio González e il calciatore Bernardo Gabriel Caballero, ritratti a letto insieme in una foto che ha immediatamente destato scalpore in tutto il mondo.

La ricostruzione dei fatti non è semplice, di certo si sa che la foto è circolata dopo che il giocatore, su pressione del proprio agente, ha chiesto di essere ceduto.

Di fronte al rifiuto del presidente González e all’insistenza del giocatore, lo stesso González ha pubblicato un video di se stesso mentre strappa il contratto, facendovi seguire queste dichiarazioni rilasciate a Hoy Paraguyan: “Per me Bernardo Caballero era una persona speciale. Sì, era il mio compagno e godeva di ogni privilegio. Ha guidato macchine che mai si sarebbe sognato. Poi improvvisamente ha chiesto di andarsene perché ha incontrato una vecchia pazza. Ecco, questo è il tuo contratto: se credi di prenderti gioco di me, dimenticati di giocare a calcio”.

La “vecchia pazza” sarebbe per l’appunto l’agente di Caballero, Valentin, il procuratore di Caballero. Ma non finisce qui. Perché se Caballero è ora a tutti gli effetti licenziato e se è vero che resta da capire chi abbia fatto circolare la foto, “costringendo” Gonzalez all’ammissione, probabilmente Valentin, al fine di ottenere la cessione del proprio assistito a un prezzo inferiore rispetto a quello chiesto dal presidente, circola un’altra ipotesi clamorosa: quella che lo stesso Valentin faccia parte del triangolo amoroso…

Sesso durante il match…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy