Schurrle e il ‘rifiuto’ per il calcio dopo il ritiro: “Non gioco più neppure con gli amici. Ogni fibra del mio corpo è felice di aver smesso”

Il tedesco ha fatto una scelta ben precisa dopo aver appeso gli scarpini al chiodo

di Redazione ITASportPress
Schurrle

Nessun ripensamento per André Schurrle, storico ex centrocampista o esterno d’attacco tedesco, con un glorioso passato anche con la maglia della Nazionale campione del mondo. Ritiratosi in estate a 30 anni ancora non compiuti, l’ormai ex calciatore non si pente della scelta fatta e parlando a Bild am Sonntag ammette di non voler sentir più parlare di allenamenti, preparazione e partite.

Schurrle: una nuova vita

Schurrle
Schurrle (getty images)

“Se posso ancora tornare al calcio? Sul campo, non più. Non voglio giocare neppure con i miei amici o e tantomeno in una squadra amatoriale. Anche se un top club mi dovesse proporre qualcosa, nulla cambierà. Ormai mi sono ritirato. Ogni fibra del mio corpo è felice di non doversi più allenare o fare preparazione”, ha raccontato Schurrle. “Ora posso pensare a perdonare anche i giornalisti per tutte le critiche che ho ricevuto in carriera. Grazie ad un life coach ora è possibile, prima no. Penso sia iniziata una nuova vita per me”.

Ma il tedesco non pensa di abbandonare del tutto il mondo del pallone: “Futuro? Un giorno potrei diventare un esperto in televisione. Abbiamo già negoziato con alcune emittenti. Forse un giorno questa opzione funzionerà. Ma prima devo assicurarmi di fare la scelta giusta quando mi troverò davanti alla proposta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy