Sfottò per l’amico portiere: maxi multa per il tifoso

Sfottò per l’amico portiere: maxi multa per il tifoso

Ad un 30enne sostenitore del Trastevere Calcio, è stato contestato un coro contro l’ex Prefetto di Roma ed attuale capo della polizia di Stato. Ma lo sfottò del tifoso era diretto all’amico portiere

di Redazione ITASportPress

Incredibile vicenda in cui è coinvolto un tifoso del Trastevere calcio, al quale, lo scorso 16 ottobre nel corso del match contro l’Agropoli, è stato contestato un coro contro l’ex Prefetto di Roma ed attuale capo della polizia di Stato. Ma in realtà lo sfottò del tifoso, era diretto all’amico portiere. Il 30enne, insieme ad un altro sostenitore della squadra di casa, è stato convocato al commissariato di polizia di Monteverde dove gli viene contestato il reato di “vilipendio ad un Corpo dello Stato“. Ai microfoni di Roma Today, l’uomo ha spiegato la vicenda: “Eravamo una decina di tifosi e come sempre stavamo sostenendo la nostra squadra. Nel corso del primo tempo siamo stati avvicinati da due agenti in borghese che ci hanno redarguito per aver intonato un coro di dissenso rispetto ad una decisione dell’arbitro. Nel secondo tempo, abbiamo intonato scherzosamente il coro Radaelli pezzo di m…. contro il nostro portiere, ed amico ci tengo a precisare. Una vera e propria presa in giro tanto che lo stesso Radaelli come al solito ci ha sorriso e salutato con un gesto della mano. Il 21 ottobre sono stato convocato al commissariato di polizia di Monteverde dove mi hanno notificato il verbale, comunicandomi che ero indagato, per il presunto coro contro Gabrielli che non abbiamo mai cantato, in ordine al reato di vilpendio ad un Corpo dello Stato. Una notifica che mai mi sarei aspettato e che è molto più grave di quello che può sembrare. Oltre alla multa salata dovrò difendermi da un reato penale e rischio un Daspo per diversi anni. Voglio credere che sia un grosso malinteso e per questo continuo ad avere il massimo rispetto per l’operato della polizia. Ma in questo caso posso affermare che si sono sbagliati di grosso“.

Le parole dell’avvocato Lorenzo Contucci che difenderà il sostenitore del Trastevere: “Questa è comica, due tifosi del Trastevere Calcio sono denunciati per vilipendio a un corpo dello Stato perché gli agenti in servizio in occasione di Trastevere/Agropoli hanno confuso il coro (scherzoso, perché il portiere del Trastevere è loro amico) “Radaelli pezzo di m…” con “Gabrielli pezzo di m….”. Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere“.

 
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy