SPAL, Borriello al veleno: “Perso un anno di carriera, ma sono ancora sotto contratto…”

SPAL, Borriello al veleno: “Perso un anno di carriera, ma sono ancora sotto contratto…”

L’attaccante ha vissuto un campionato ai margini nella rosa che Semplici ha condotto alla salvezza

di Redazione ITASportPress

La SPAL ha conquistato una sofferta salvezza da matricola, concludendo nel migliore dei modi il campionato che ne ha segnato il ritorno in A dopo 39 anni. Gioia incontenibile nel’ambiente ferrarese, per tutti o quasi. Un giocatore, acquistato sul finire del mercato estivo, ha infatti vissuto la stagione da separato in casa. Si tratta di Marco Borriello, che ha sì fatto in tempo a segnare un gol in avvio di campionato, contro l’Udinese, raggiungendo così quota 12 maglie diverse in A con almeno un gol all’attivo, tante quante il recordman Nicola Amoruso, salvo poi sparire dai radar, complice qualche infortunio ed incomprensioni con la società.

Intervenuto a margine del “Memorial Niccolò Galli”, l’attaccante napoletano ha mescolato soddisfazione e delusione nel proprio commento alla stagione, prima di aprire, a sorpresa, alla permanenza a Ferrara: “Faccio i complimenti ai ragazzi e alla società per la meritata salvezza. Per me è stato un anno abbastanza particolare, ho avuto difficoltà anche quando stavo bene, poi sono stato sfortunatissimo con questo infortunio. Non mi va di parlare perché non voglio alimentare polemiche, però sono stato male: ho perso un anno di carriera che nessuno mi ridarà più. Futuro? Ho un contratto con la SPAL, sono contento che sia rimasta in Serie A perché così potrò continuare a giocare nel massimo campionato”.

Gioco delle parti o verità? Si vedrà… Borriello si è poi soffermato brevemente sull’appassionante lotta scudetto: “Questo campionato è stato bellissimo dalla testa alla coda, c’è stato un insieme di emozioni incredibili. La Juventus ha subito dato l’impressione di essere più forte, ma il Napoli ha fatto un cammino straordinario”.

SPAL, lo strano segreto di bomber Antenucci…

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. franco9s_567 - 2 anni fa

    Ma come fa questo individuo, zingaro pellegrino del calcio, a parlare ancora, ma solo nei social!!
    Penso che la squadra che lo paga lautamente, !00.000 al mese + tredicesima, non l’abbia mai visto alle partite, nemmeno in tribuna ed oltre tutto penso abbia anche l’ingresso a “sbaffo”non come tutti noi mortali ed appassionati.
    Stesse almeno zitto sto mangia pane a tradimento!!!
    Se anche ci costa un occhio non lo farei nemmeno giocare il prossimo anno!!! (ma forse è quello che cerca, il furbastro…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spal2018 - 2 anni fa

    Questo giocatore è stato accolto ad inizio anno con il massimo della stima, ma si è rivelato immediatamente una prima donna non all’altezza della nostra città con comportamenti alquanto discutibili sia dentro lo spogliatoio che fuori dal campo, come il perculeggiare gente sovrappeso che nuotava durante i suoi periodi di “riabilitazione” in piscina o ancora peggio il “perculeggiare” ambulanti che con il massimo dell’educazione chiedevano se volesse acquistare braccialetti od orpelli simili.
    Non è un caso se tutte le tifoserie d’italia gli riservano cori di disapprovazione.
    Non lo vogliamo.
    Vogliamo gente con gli attributi.
    Forza Spal

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy