Sporting nel caos, spunta un audio di Fernandes con insulti ai compagni

Sporting nel caos, spunta un audio di Fernandes con insulti ai compagni

Biancoverdi reduci dal secondo cambio di allenatore della stagione, ma anche lo spogliatoio pare spaccato

di Redazione ITASportPress
Bruno Fernandes

Se in Portogallo a fare l’andatura in campionato è la rivelazione Famalicao, una neopromossa, Benfica e Porto sono comunque in scia e sembrano destinate a giocarsi ancora una volta il titolo nazionale.

Più attardata l’altra grande del calcio lusitano, lo Sporting Lisbona. I biancoverdi sono peraltro reduci dal cambio di allenatore, il secondo in poche settimane. Esonerato a inizio settembre l’olandese Keizer, che nella scorsa stagione aveva preso il posto di Peseiro portando la squadra al terzo posto, breve è stata l’avventura di Leonel Pontes, silurato dopo sei giornate per far posto al più esperto Silas, scelto dopo il ko dell’ultima giornata proprio contro il Famalicao.

Oltre che risollevare le sorti della squadra in classifica, però, il nuovo tecnico dovrà anche ricompattare uno spogliatoio che sembra spaccato e spegnere i diversi focolai di tensione che sono divampati e che coinvolgono anche i giocatori più esperti, come il capitano Bruno Fernandes.

L’ex giocatore di Novara, Udinese e Sampdoria era già salito agli “onori” della cronaca nelle scorse settimane per aver rotto due porte degli spogliatoi a causa della rabbia seguita a una sostituzione subita, ma ora le cose vanno pure peggio, se è vero che Marca ha riportato un audio attribuito proprio a Fernandes nel quale il giocatore prende a male parole i nuovi acquisti, accusati di scarso attaccamento alla maglia: “Fichan un año, cogen el dinero y se van, la puta que los parió” le parole del centrocampista.

“Firmano per un anno, prendono i soldi e se ne vanno, figli di …” la fin troppo facile traduzione.

Per Silas un problema in più, per Fernandes si profilano multa salata e necessità di chiarimento…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy