Stramaccioni: “Valigie pronte e disponibile a tornare ad allenare in Iran”

Una scelta, motivata dal mancato rispetto di vari impegni contrattuali, che però ha scatenato la protesta in piazza di centinaia di tifosi, schierati al fianco di ‘Strama’.

di Redazione ITASportPress

Andrea Stramaccioni è pronto a fare le valigie e tornare sulla panchina dell’Esteghlal, club iraniano. Il tecnico romano, che appena una settimana fa aveva rassegnato le dimissioni per irregolarità nei pagamenti, ha affermato ai microfoni di Mia Ceran per “Quelli che il calcio” su Rai2, di aspettare un segnale dall’Iran per fare marcia indietro con moglie e figli. “Dopo aver portato la mia squadra in una buona posizione in classifica sono dovuta andare via. In dieci partite con me in panchina ne abbiamo vinto nove e tutti mi hanno dimostrato grande affetto. In Iran la gente ti accoglie benissimo e sarei felice di poter tornare a lavorare con l’Esteghal. Dopo il ritorno da Teheran non abbiamo ancora disfatto le valigie e quindi sono pronto nuovamente a decollare”. Segnali positivi che arrivano anche dal club iraniano che si sta muovendo per far tornare l’ex tecnico di Inter e Udinese sui propri passi. “Stiamo facendo tutto il possibile per riportare qui Andrea Stramaccioni. Abbiamo soddisfatto le sue richieste, pagando 160 mila euro al consolato iraniano in Turchia in modo che il denaro possa essere trasferito all’ambasciata iraniana in Italia. Penso che i soldi arriveranno lunedì mattina”. Con un comunicato sul sito dell’Esteghlal, il presidente Esmail Khalilzadeh ha annunciato che, con l’aiuto del ministero degli Esteri e dello Sport, il club ha provveduto a versare quanto dovuto al tecnico romano. Un membro della società iraniana nelle prossime ore potrebbe incontrare il tecnico e garantirgli che la durata del suo contratto sarà ridotta a una sola stagione per potersi liberare, qualora lo volesse, già a giugno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy