Tavecchio contro Ventura: “Perso contro la Spagna per schemi particolari”

Tavecchio contro Ventura: “Perso contro la Spagna per schemi particolari”

Le parole dell’ex presidente della FIGC a “Tutti Convocati”, programma in onda sulle frequenze di Radio 24

di Redazione ITASportPress
Tavecchio

Il Mondiale, cominciato senza l’Italia, continua a perdere pezzi da novanta: dopo Germania, Argentina e Portogallo, infatti, oggi è stata eliminata anche la Spagna.

Chissà se Russia 2018 poteva essere il torneo degli azzurri viste le tante sorprese…

Intanto Carlo Tavecchio riavvolge il nastro e torna ad esaminare il periodo nero legato a Gian Piero Ventura; ecco quanto dichiarato dall’ex presidente della FIGC a “Tutti Convocati”, programma in onda sulle frequenze di Radio 24:

“Noi abbiamo fatto 9 partite bene, poi c’è stata la gara di Madrid contro la Spagna dove abbiamo cercato degli schemi particolari e abbiamo perso. I giocatori non avevano espresso sfiducia nei confronti di Ventura. Avevo capito che davanti ci voleva qualcosa di diverso, pensavo che l’inserimento di una punta di peso o di Insigne avrebbe fatto la differenza, è la realtà dei fatti.

Balotelli non convocato da Ventura perché non lo voleva lo spogliatoio? Difficile che i giocatori dicano di no ad un collega, ma quello fu un discorso e lo presi per buono.

Dimissioni? Ero sempre stato contrario alle dimissioni da un punto di vista politico per fatti tecnici. Risultati ne abbiamo ottenuti: il VAR, abbiamo aiutato il Coni, i campionati erano regolari. E’ un metodo italiano, non mi risulta si sia dimesso il presidente dell’Olanda.

La qualificazione femminile al Mondiale è andata perché abbiamo raddoppiato il potenziale del club Italia da tre a sei Nazionali, questa è la molla, tutte le altre sono chiacchiere. In Italia siamo appena partiti”.

Ventura: “Io delegittimato in maniera devastante”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy