Tre anni di Daspo al genitore che colpì l’arbitro donna

Tre anni di Daspo al genitore che colpì l’arbitro donna

La questura di Arezzo ha disposto il Daspo per il 50enne, residente nel perugino, già denunciato subito dopo l’episodio per lesioni dalla stessa arbitro

di Redazione ITASportPress

Per tre anni avrà il divieto di accesso a manifestazioni sportive il genitore che domenica scorsa, al termine della partita della categoria giovanissimi del campionato umbro tra le squadre Junior Castello Calcio ed il Bastia 1924, ospitata sul campo di Monterchi, in provincia di Arezzo, e che vedeva tra i giocatori anche suo figlio, aveva colpito l’arbitro.

La questura di Arezzo ha disposto il Daspo per il 50enne, residente nel perugino, già denunciato subito dopo l’episodio per lesioni dalla stessa arbitro.

L’uomo aveva sferrato un calcio alla porta dello spogliatoio dell’arbitro, una 17enne di Città di Castello, colpendo la ragazza e procurandole lesioni guaribili in dieci giorni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy