Le novità

Uefa cancella il Fair Play Finanziario e vara nuova normativa. I dettagli

Uefa (getty images)

Ceferin: "La più grande innovazione è la norma che regolarizza i costi di gestione della squadra"

Redazione ITASportPress

Va in pensione il vecchio Fair Play Finanziario e viene introdotto dalla Uefa il nuovo salary cup. Ora le nuove norme fanno riferimento al nuovo “regolamento UEFA Licenze per Club e Sostenibilità Finanziaria”. Tre i principali temi intorno a cui si sviluppa il nuovo progetto: stabilità dei club, solvibilità e costi da tenere sotto controllo. Il presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin ha spiegato le novità: "Queste norme, che entreranno in vigore nel prossimo giugno per andare a pieno regime in tre anni, ci aiuteranno a proteggere e preparare il calcio a qualsiasi potenziale shock, incoraggiando al contempo a fare investimenti razionali e a costruire un futuro più sostenibile per l'intero comparto. L'obiettivo si potrà raggiungere attraverso tre pilastri: solvibilità, stabilità e controllo dei costi. La prima assicurerà una tutela migliore dei creditori, attraverso controlli trimestrali e minor tolleranza verso i morosi. I nuovi requisiti sui ricavi sono un'evoluzione degli attuali requisiti di pareggio di bilancio, e porteranno una maggiore capacità alle finanze dei club -riporta Gazzetta.it-. "La normativa limita la spesa per gli stipendi, per i trasferimenti e per le commissioni degli agenti al 70% delle entrate del club -prosegue Ceferin - . Le valutazioni saranno eseguite su base tempestiva e le violazioni comporteranno sanzioni finanziarie predefinite e misure sportive". Il 70% entrerà a regime nel 2025, con una progressione: 90% per il 2023-24, 80% per il 2024-25 e 70% per il 2025-26.

RIASSUMIAMO -

Le nuove regole si basano su un processo decisionale partito da alcuni capisaldi:

il sistema calcio ha bisogno di rinforzare la protezione dei creditori;

il sistema ha bisogno di un miglior controllo dei costi;

il sistema deve permettere sostenibili investimenti che possano incoraggiare la crescita;

il sistema deve tenere conto che c’è una grande diversità tra i club in termini di dimensioni e business model;

il sistema deve permettere di identificare violazioni appena avvengono;

infine servono sanzioni finanziarie e sportive che fungano anche da deterrente.

In che modo si cercherà di raggiungere questi obiettivi? Attraverso tre pilastri distinti: la regola del nessun debito scaduto, la regola legata ai ‘football earnings’ e la regola del costo della squadra.

 (Getty Images)
tutte le notizie di