Van Basten si confessa: “Sacchi parlava troppo, non lo sopportavo”

L’ex bomber e alcune rivelazioni importanti sulla sua carriera calcistica

di Redazione ITASportPress
Van Basten

Arrivano le prime indiscrezioni su quella che sarà la sua autobiografia. Marco Van Basten si racconta e come riporta l’Ansa, il suo libro promette scintille. Alcuni dettagli arrivano già nelle ore precedenti all’uscita ufficiale dell’opera e trattano alcuni argomenti scottanti come il rapporto con Arrigo Sacchi e Fabio Capello.

Van Basten: “Non sopportavo Sacchi”

Van Basten
Van Basten (getty images)

“Il Milan di Sacchi e Capello è fra le sei squadre più grandi di sempre, ma Sacchi non lo sopportavo, parlava troppo”, ha ammesso Van Basten nell’autobiografia che uscirà ufficialmente domani in Olanda. ” Abbiamo dovuto guardare tanti video; in allenamento parlava sempre. Era troppo. Gli dicevo: ‘mister, me lo hai già detto 12 volte’. Era un tale fanatico che continuava a raccontare le stesse storie. Era difficile da accettare”.

E poi ancora su Sacchi e Capello: “Sono stati allenatori fortunati perché avevamo una squadra meravigliosa. Avevano Baresi, Maldini, Costacurta e Tassotti grandi difensori che sapevano giocare molto bene anche con il pallone. Non ho intenzione di dire che siamo stati i migliori. Ma eravamo tra i migliori”. Spazio anche ad alcuni momenti difficili come gli infortuni e quando Crujyff lo faceva giocare in ogni modo e in ogni condizione fisica, anche precaria: “Mi diceva: ‘non giochi tutte le gare e puoi saltare alcuni allenamenti. Ma devi giocare in Europa. Qualunque cosa accada, devi giocare la finale'”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy