Vialli: “Serie A divertente con tanti gol. Sampdoria? Hanno iniziato male…”

Vialli: “Serie A divertente con tanti gol. Sampdoria? Hanno iniziato male…”

“Alternativa alla Juventus? La classifica ad oggi dice Torino e Inter. Vedremo…”

di Redazione ITASportPress

Gianluca Vialli ha parlato ai media presenti a margine della presentazione della 16esima Golf Cup della Fondazione Vialli e Mauro. Serie A e, ovviamente, un focus sulla Sampdoria che lo stesso ex calciatore sarebbe prossimo ad acquisire.

Sul tema, però, Vialli preferisce non parlare: “No comment, non posso dire nulla”. Ma sull’avvio di stagione dei blucerchiati: “La Sampdoria ha iniziato male? Zero punti in due partite, direi di sì…”.

SERIE A – “Ho visto tante partite, e devo dire che è stato un inizio divertente, con tante sfide aperte e spettacolari. Ci sono stati un sacco di gol, che hanno aiutato a rendere il prodotto più attraente anche per chi guarda all’estero. Speriamo si continui così, ma credo che si tornerà a vedere difese più attente col passare delle giornate”. “Se esiste un’alternativa alla Juventus? La classifica ad oggi dice che le alternative sono Torino e Inter. Vedremo cosa succederà più avanti”. E ancora sulla Juventus: “È una squadra tosta. Non è ancora al top, ma tutte miglioreranno con il passare delle giornate, sia sul piano fisico sia degli automatismi. Ci sono tanti allenatori nuovi, ci sono stati tanti cambiamenti. Presto ci renderemo conto del reale valore di tutte le squadre e vedremo se sarà l’anno giusto anche per la Champions League”.

BOMBER – “La maglia numero 9 non assegnata alla Juventus? Le maglie non hanno più il significato che avevano una volta quindi non darei tanta importanza a questo. Il giocatore oggi sceglie il numero per scaramanzia o per un legame particolare. La Juventus ha tanti attaccanti, a mio parere è sempre meglio abbondare anche se si può avere problemi di gestione”. E ancora sugli attaccanti, questa volta in ottica Inter: “Vicenda Icardi? Non lo so. Ci sono giocatori che rinnovano, altri che restano sempre in una squadra e altri che cambiano. Sono cose già successe e che continueranno ad accadere, è difficile giudicare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy