ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

IL MISTER

Villarreal, Emery: “Così ce la giocheremo col Liverpool. Guardiola o Simeone? Dico…”

Emery (getty images)

Parla il mister spagnolo

Redazione ITASportPress

Non solo Champions League, ma una vera e propria filosofia di calcio e di vita. Unai Emery, allenatore del Villarreal, si è raccontato a 360° a Repubblica.

Grande protagonista con la formazione spagnola in questa edizione della Coppa dalle grandi orecchie, il mister ha parlato della semifinale raggiunta contro il Liverpool ma non solo: "Più vai avanti e più la montagna da scalare è alta. Tuttavia, se siamo arrivati sin qui è perché lo abbiamo meritato e perché, come abbiamo dimostrato contro Juve e Bayern, possiamo superare le favorite".

E ancora sulla sfida che attende il Sottomarinogiallo contro i Reds: "Inizialmente abbiamo riflettuto sul fatto che si tratta di una sfida su 180 minuti o anche di più se finiremo ai supplementari. Subito dopo, invece, ci siamo concentrati sui nostri obiettivi in vista del primo atto. Il fatto che il gol in trasferta non sia più importante come prima ci spinge a credere che l’idea giusta sia quella di andare a Anfield e giocare per vincere e per impedire al Liverpool di mettere in mostra la sua miglior versione, tanto a livello individuale che collettivo".

"Cosa servirà per battere i Reds tra metodo e mentalità? Entrambe. Senza metodo non troverai mai la mentalità per poter metterlo in pratica e senza mentalità puoi anche avere un metodo che, però, in un momento di difficoltà qualsiasi potrebbe crollare. E momenti difficili ce ne saranno, glielo assicuro".

Per Emery una passaggio personale: "Ho ricevuto più di quello che ho dato. È un privilegio allenare grandi club e i loro grandi calciatori. Dalla mia, ci ho messo tutta la mia dedizione". "Non ho mai allenato in Italia? Lo que será, será, sono aperto a qualsiasi ipotesi perché il fútbol continua a farmi sentire vivo".

In conclusione: "Stile Guardiola o quello di Simeone? Sinceramente è un dibattito che né seguo né comprendo. Quello che mi importa è fare in modo che la mia squadra possa essere in grado di trasmettere qualcosa alla gente. Il mio è fútbol e basta, o meglio puro fútbol. È questa l’unica etichetta che riconosco".

 Emery Villarreal Bayern Monaco (getty images)
tutte le notizie di