Zenit o Porto? Marchisio è al bivio: ma spunta la Roma

Zenit o Porto? Marchisio è al bivio: ma spunta la Roma

Giorni decisivi per il centrocampista per la scelta della nuova destinazione dopo l’addio alla Juventus

di Redazione ITASportPress

Russia o Portogallo. Ma soprattutto Europa League o Champions League. Sembra essere questo il sottotitolo ideale per commentare il dubbio che sta accompagnando gli ultimi giorni da svincolato di Claudio Marchisio. Venti giorni dopo la rescissione del contratto che lo avrebbe legato alla Juventus fino al giugno 2019, il centrocampista sta vagliando le tante proposte ricevute, che sono state poste in un ordine di gradimento ormai definitivo o quasi.

Improbabile l’approdo nella Mls, così come al Monaco, le due proposte più interessanti sul piano tecnico ed economico sono giunte dallo Zenit San Pietroburgo e dal Porto, come riporta Tuttosport. La soluzione favorita al momento sembra essere proprio quella che conduce in Russia, da cui è provenuta a Marchisio una proposta d’ingaggio più ricca rispetto a quella messa sul piatto dai Dragoes.

Dall’altro lato, c’è da pesare la questione tecnica: il campionato portoghese è più competitivo di quello russo e la squadra allenata da Sergio Conceiçao potrà garantire a Marchisio il palcoscenico della Champions League, mentre lo Zenit parteciperà all’Europa League.

Sullo sfondo, spunta un’ipotesi clamorosa, riportata da La Repubblica, che racconta di un contatto tra il ds della Roma Monchi e il padre-agente di Marchisio, per sondare la disponibilità del giocatore ad approdare in giallorosso, magari per sostituire Strootman, appena ceduto al Marsiglia. Lo scenario sembra però di difficile realizzazione, visto che lo stesso Marchisio ha sempre escluso la possibilità di indossare un’altra maglia italiana dopo quella della Juventus.

Il Porto è stato sorteggiato nel girone con Lokomotiv Mosca, Galatasaray e Schalke 04, lo Zenit invece affronterà Borudeaux, Copenaghen e Slavia Praga.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy