ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

IL PARERE

Zola: “Non è colpa di Mancini se non siamo al Mondiale. Sull’attacco e Jorginho…”

Zola (getty images)

Parla Magic Box

Redazione ITASportPress

Gianfranco Zola commenta a Repubblica l'eliminazione dell'Italia dal playoff Mondiale e dunque la mancata qualificazione a Qatar 2022. L'ex storico calciatore si è soffermato sulle responsabilità e su cosa fare per ripartire.

DELUSIONE - "Sono devastato da questa sconfitta. Non andare ai Mondiali destabilizza. È come se contro la Macedonia del Nord, con Berardi e gli altri, ci fossi stato anche io. In Italia è già caccia ai responsabili? Cambiamo il modo in cui il calcio vive e si alimenta. Serve un circuito virtuoso che esalti la qualità. Puoi essere ben allenato, organizzato tatticamente ma senza il talento prima o poi vai a sbattere", ha detto Zola.

COLPE - "Responsabilità di Mancini? No. Roberto ha fatto un grande lavoro e costruito una base importante. La Nazionale non ha vinto per caso l'Europeo"."Gli episodi migliori sono passati dai piedi di Verratti e Berardi. Mentre Barella mi è parso un po’ stanco. Jorginho ha fatto la sua parte. Mi irrita sentire che i due rigori sbagliati siano stati la causa dell'addio al Qatar. Stiamo a casa perché non abbiamo avuto forza e qualità. Dal dischetto Jorginho non si è mai tirato indietro, ne ha segnati tanti. Anche io ho sbagliato un rigore importante per gli Europei del ‘96. Mi sono martoriato a lungo. Ma non è servito".

RIPARTIRE -"Da scuole calcio, camp e format d’allenamento: spazio alla fantasia. Mi piace il lavoro, e la fermezza con i presidenti dei club di A, mostrata dalla Federcalcio del presidente Gravina. Serve tempo, la nazionale è una grande opportunità per il Paese e arricchisce tutti. Anche le società. Intanto, lasciate in pace Roberto Mancini".

 Italia Jorginho (getty images)
tutte le notizie di