Catania, Camplone ha detto sì alla conferma di Lodi ma ad una condizione

Catania, Camplone ha detto sì alla conferma di Lodi ma ad una condizione

Il tecnico potrebbe utilizzarlo come fece con Felipe a Perugia

di Redazione ITASportPress

Il modulo di riferimento di Andrea Camplone, neo allenatore del Catania è il 4-3-3, ma il mister pescarese durante le sue precedenti esperienze ha cambiato spesso il sistema di gioco passando anche al 3-5-2. La dirigenza etnea gli sta però costruendo una squadra che possa esaltare al massimo il modulo di base, quel 4-3-3 che appartiene al Dna del Catania. Servirà un play in mezzo al campo abile a costruire, ma anche bravo a interdire, e in tal senso l’ad Pietro Lo Monaco e il ds Cristian Argurio stanno lavorando seguendo le indicazioni del mister. Ma prima di acquistare un centrocampista la dirigenza etnea deve trovare una squadra a Francesco Lodi che al momento non ha richieste. Camplone aspetta novità prima del ritiro del 14 luglio, ma ipotizza un centrocampo con Lodi se il calciatore di Frattamaggiore dovesse restare. Del resto quando il tecnico pescarese ottenne la promozione in B col Perugia nel 2014, come play aveva un calciatore lento come Lodi, forse anche con meno qualità del rossazzurro, che era Felipe Gomes Ribeiro, ma il brasiliano ai lati aveva due mezzali che correvano come i pazzi di cui uno era Moscati. Camplone pertanto sa come far rendere al meglio Lodi ma ad una condizione: l’impiego di due mezzali di corsa che permetteranno ai rossazzurri di essere pericolosi ed al tempo stesso avere i giusti presupposti per le coperture preventive.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy