Giovinco, ma non solo… gli italiani all’estero per denaro

Giovinco, ma non solo… gli italiani all’estero per denaro

L’ex juventino è l’ultimo ad aver deciso di snobbare ancora la Serie A per i soldi

di Redazione ITASportPress

Il Made in Italy piace sempre di più all’estero, ma forse anche ai calciatori italiani non dispiace andar a giocare oltre confine. E a beneficiarne è il conto corrente soprattutto: nell’ultima sessione di mercato più di un atleta ha scelto di abbandonare il sogno (e la sofferenza) di una carriera in Serie A, e anche quello di lottare per la maglia della Nazionale, pur di far cassa. Un esempio? Sebastian Giovinco è l’incarnazione perfetta del calciatore che ha scelto la ricchezza alla qualità. Il Paperon de Paperoni del nostro calcio che ha salutato nel 2015 la Juventus e l’Italia per sette milioni di euro, quelli offerti da Toronto. E poco importa se l’Mls non ha tutta la visibilità della Serie A. Così ha fatto le valigie ed ha preso il primo aereo, destinazione Canada. Oggi, passati quattro anni ha deciso di cambiare aria ancora una volta e scegliere qualcosa di meno impegnativo, ma più oneroso. Dal Canada all’Arabia, da sette a 10 milioni. Tuttavia,  la “Formica Atomica” non è il solo:  a comandare la classifica degli “emigrati di lusso” c’è Graziano Pellé: ben 16 milioni di euro con lo Shandong Luneng. Esiliato in Cina dopo quel rigore sbagliato con la Germania che costò l’eliminazione ai quarti di Euro 2016, nessuno si sarebbe mai aspettato tanto. Invece eccolo qui, il calciatore italiano più pagato al mondo. D’altronde lui in Italia non giocava più da un po’. Come Seba e Graziano, tanti altri hanno accettato la chiamata cinese, araba, russa, americana, insomma basta che si parli di denaro… ancor di più se si tratta di chi è a fine carriera, giusto per tirare su ancora qualche soldino e arrotondare la pensione. Allora ecco gente come Lavezzi, Tevez, Pirlo, Del Piero, Cannavaro, Marchisio, Dunga, Schillaci, Nesta, Kaka, Beckham. La lista è lunga e continuerà ad arricchirsi, ma mai come loro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy