Napoli, De Laurentiis ha in mano tre carte per il dopo Gattuso

Il presidente azzurro si terrà Ringhio almeno sino a fine stagione ma poi si cambia

di Redazione ITASportPress

Il presidente del Napoli De Laurentiis non ha un buon rapporto con gli allenatori. Lui li sceglie, lui li esalta, lui li ripudia. E’ successo già in passato con i predecessori di Gennaro Gattuso, un altro mister con la valigia che fino a pochi mesi fa sembrava il re del Vesuvio. Il presidente azzurro dopo la partita con l’Atalanta ha fatto capolino negli spogliatoi a Bergamo per salutare la squadra. Come riporta la Gazzetta dello Sport oggi, la freddezza dell’intero ambiente, in tutte le componenti, si tagliava a fette nel sottopancia del Gewiss Stadium. Così è difficile rimettere in sesto la barca, a prescindere da chi sarà l’allenatore. Sì perché al di là di nomi altisonanti fatti trapelare, la realtà racconta che De Laurentiis nel momento di grande crisi non ha intenzione di pagare un altro tecnico e spera di arrivare in fondo alla stagione con Gattuso per poi puntare su un giovane per il futuro: De Zerbi, Italiano o Juric, in rigoroso ordine alfabetico. Ma adesso ci sarebbe da salvare il salvabile. Provando a unire le forze e chiudere meglio che si può questa pazza stagione. Per farlo serve un passo indietro, di presidente e allenatore, e uno avanti dei giocatori che non cerchino alibi e diano sempre quello che possono. Ricordando che questo è un gioco, ben retribuito. E in campo ci si può anche divertire, senza tirare indietro la gamba alla prima difficoltà.

(Getty Images)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy