Padoin: “Il mio trasferimento alla Juve? Pensavo fosse uno scherzo, si chiuse tutto in poche ore”

Il centrocampista torna a parlare del suo passaggio in bianconero

di Redazione ITASportPress

Simone Padoin è stato probabilmente uno dei centrocampisti meno tecnici passati dalla Juventus negli ultimi anni. Il giocatore lanciato dall’Atalanta è tornato a parlare del suo passaggio in bianconero, svelando tutta la sua incredulità al momento dell’affare: “Quando il mio agente mi chiese se volevo andare alla Juventus pensavo fosse uno scherzo”.

TUTTO MOLTO VELOCE

Padoin
Padoin (getty images)

La trattativa per andare alla Juventus è durata appena qualche ora – svela l’ex Cagliari – , la ricordo come se fosse ieri. Erano le 6 e mezzo di pomeriggio, due giorni dopo avremmo giocato nel turno infrasettimanale e io mi stavo rilassando sul divano. Squilla il telefono: era Tinti, il mio procuratore. “Vuoi andare alla Juve?”. Avevo appena firmato un rinnovo quinquennale con l’Atalanta, sembrava uno scherzo”. Ma l’agente di Padoin non era esattamente un burlone quando si parlava di affari: “Ma Tullio, su queste cose, non scherza mai. Sono rimasto in silenzio 3-4 secondi, poi gli ho detto di sì. Alle 9 e mezzo ero già in macchina, in viaggio verso Milano. E quella sera diventai un calciatore della Juve”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy