ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Catania, Astorina a ISP: “Mancini basta giocare col Tribunale. Con la Sigi vuole Torre del Grifo”

Astorina - foto sito ufficiale Catania

Duro affondo dell'ex presidente del Catania ai microfoni di Itasportpress

Redazione ITASportPress

Ai microfoni di Itasportpress.it è intervenuto l’ex presidente del Catania Gianluca Astorina che ha detto la sua sui temi di attualità del mondo rossazzurro.

Astorina non si può non chiederle subito qual è il suo pensiero su Benedetto Mancini  che sembra intenzionato a rilevare il Catania.

E' allucinante che questo signore si permette di tirare in ballo i tre curatori e giocare col Tribunale etneo e lo ha fatto attraverso un comunicato tra l'altro non firmato. Ha commesso una serie di cavolate in questi giorni, dal capitale sociale di 10 mila euro, poi la pec e infine il bonifico che non sono pervenuti nei tempi. Mancini ha sbagliato tutto l'iter nonostante tempo fa dichiarò di aver fatto le prove.  Il capitale sociale sarebbe dovuto essere di 500 mila euro come previsto nel bando e non di 10 mila euro. Poi se avesse perso all'asta i suoi soldi sarebbero tornati indietro e non li avrebbe persi. Mancini è arrivato a Catania il 21 dicembre scorso e prima del fallimento del club stava per presentare una manifestazione di interesse. Ha fatto di tutto per non presentare la documentazione, responsabilmente e consapevolmente.

Ritiene che Mancini sia da solo in questa scalata al Catania?

Non è solo, è fiancheggiato e rappresenta il gruppo catanese che ha gestito il Catania mesi fa portandolo al fallimento. Se l'ex presidente Pulvirenti durante il periodo diciamo infausto, ha fatto tre mila danni, la Sigi in un anno e mezzo ne ha fatti il triplo. Sono loro i responsabili del disastro del Calcio Catania. Numeri alla mano, in pochi mesi di gestione hanno speso molti più soldi di Pulvirenti in un anno di Serie C con l'aggravante che non hanno raggiunto le semifinali playoff. Il club non va dato a chi sta facendo di tutto per prenderlo adesso con strategie strane per non dire altro. E' evidente che l'obiettivo è Torre del Grifo e non il Catania Calcio.

Astorina, lei che conosce la situazione molto bene a livello tecnico-documentale, professionale, calcistico e ambientale, come spiega l'assenza di offerte all'asta?

Non so perchè questo Catania non attiri investitori esteri o del Nord, ma di certo il club non può continuare l'avventura in Serie C affidato a persone come Mancini. Non dipende neppure dalla politica anche perchè sia il sindaco Salvo Pogliese che l'assessore allo Sport, Sergio Parisi hanno fatto un lavoro egregio prima e dopo il fallimento e sono esenti da responsabilità.

Eppure c'era Joe Tacopina...

Il rammarico più grande è aver perso Joe Tacopina. La Sigi lo ha fatto scappare e gli hanno detto persino che non ha mostrato l'evidenza fondi temendo che non avesse soldi. E poi si è comprato la Spal. Complimenti alla Sigi che non hanno ceduto la società al legale italoamericano e oggi vogliono rientrare con Mancini per prendersi Torre del Grifo che era e rimane l'interesse principale loro. Molto dopo viene il Calcio Catania.

Lei è proprio sicuro di questo accordo Mancini-Sigi?

Certamente, gli avvocati che seguono Mancini sono gli stessi di un socio della Sigi, la sede della nuova società è nello studio legale di un socio Sigi, Mancini e molti soci Sigi stanno sempre assieme, si fanno le riunioni assieme e vanno a cena assieme. Tutto chiaro o devo aggiungere altro?

No tutto chiaro. Ma la vicenda della colletta dei tifosi come la giudica?

Una vera umiliazione che quasi supera quella del fallimento. 24 soci non sono riusciti a raccogliere 130 mila euro per l'iscrizione. Questa è la Sigi.

Come giudica lo sfogo di mister Baldini dopo il match contro il Monterosi?

Umanamente capisco il suo sfogo ma è fuori luogo. Non si attaccano i curatori che stanno gestendo una società fallita. Ma va dato atto a Baldini di aver fatto sul campo un buon lavoro e i suoi ragazzi stanno lottando con coraggio e determinazione nonostante le tante difficoltà. Mi auguro che la curatela possa avere la disponibilità per proseguire l'esercizio provvisorio e far disputare tutta la stagione al Catania.

 foto galtieri
tutte le notizie di