Catania, caso Lo Monaco: le decisioni del Tribunale di Catania

Oggi l’udienza si è svolta al Tribunale di Catania

di Redazione ITASportPress

Si è svolta oggi in mattinata l’udienza presso il Tribunale di Catania, con i giudici che hanno esaminato l’azione di responsabilità promossa dalla Sigi nei confronti dell’ex amministratore delegato del Calcio Catania, Pietro Lo Monaco, relativamente alla gestione della società tra il 2016 e il 2019. Nelle scorse settimane Lo Monaco aveva inoltrato dei decreti ingiuntivi al Catania, ritenendosi creditore verso la società rossazzurra, e che la Sigi si è poi cautelata chiedendo il sequestro dei beni al dirigente di Torre Annunziata per circa quattro milioni e mezzo di euro. Lo Monaco successivamente ha ammesso che chiederà ingente somma per danni all’immagine: “Ho ricevuto lunedì sera 8 gennaio (e quindi 24 ore dopo l’articolo ndr.) a mezzo pec il ricorso della Sigi/Calcio Catania davanti il tribunale di Catania per ipotesi di mala gestio solo dopo le anticipazioni a mezzo stampa. Tutto questo nel più assoluto disprezzo delle più elementari regole del diritto -ha affermato Lo Monaco-. Non ho capito ancora il motivo di questa fuga di notizie e soprattutto l’avermi giudicato in pubblica piazza anziché in tribunale”. Da quanto appreso da Itasportpress il Tribunale di Catania ha preso atto delle memorie presentate da Lo Monaco e comunicherà entro 10 giorni la decisione. Lo Monaco è fiducioso e spiega: “Sono certo che riuscirò a dimostrare la correttezza del mio operato e smontare il castello di inesattezze e bugie messe in piedi da Sigi/ Calcio Catania per soddisfare chissà quale scopo malsano. Ribadisco che per questo danno subito derivato da una scellerata azione, chiederò conto al Calcio Catania e alla Sigi nelle opportune sedi”.

Lo Monaco
Lo Monaco (getty images)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy