Catania, due tecnici nel mirino di Lo Monaco. Si prospetta mercato di sorprese

Catania, due tecnici nel mirino di Lo Monaco. Si prospetta mercato di sorprese

Il primo nodo da sciogliere è ovviamente quello della guida tecnica

di Redazione ITASportPress
catania logo

I silenzi di Pietro Lo Monaco sono inquietanti. Certo la stagione si è conclusa tra delusione e rimpianti senza aver centrato l’obiettivo Serie B e adesso si avverte aria di rivoluzione. E’ tempo di programmazione visto che tra meno di un mese si partirà per il ritiro a Torre del Grifo e scatterà la stagione 2018/19, la quarta in terza serie per i rossazzurri. 

GIORNI CALDI – Ore decisive per il Catania che verrà. Lo Monaco vuole accelerare sulla corsia del nuovo allenatore. Finora è stato pervaso dalla pazienza, ha seguito la strategia di attesa. Per puntare sui suoi obiettivi principali: Braglia del Cosenza e Massimo Drago, piste difficilissime. Non ci risultano invece contatti con Grassadonia e Toscano, due tecnici che però sarebbero all’altezza della situazione. Nel frattempo c’è anche da risolvere la questione Lucarelli visto che il tecnico livornese ha ancora un anno di contratto. Il mister livornese avrebbe voluto che la sua consacrazione avvenisse con la conquista del­la promozione, ma alla fine, anche lui si è dovuto arrendere ai play off. E dopo un anno con l’ex Messina, difficilmente Lo Monaco vorrà ripartire dallo stesso progetto. Dunque, l’ad etneo ha la necessità di dover riprogrammare, partendo proprio dall’allenatore. Si cerca quello che conosca la categoria e che sia un vincente.

ESTATE ROVENTE – Si prospetta un mercato di sorprese per il Catania. Certe le cessioni di alcuni big e chi è in scadenza di contratto. Russotto, Porcino, Marchese, Caccavallo, Mazzarani, Martinez, Semenzato, Tedeschi, Bogdan e Barisic, andranno via. Ma la lista degli incerti è lunga. Insomma, ci sarà una vera e propria rivoluzione alle pendici del vulcano, anche perché qualche giocatore potrebbe non avere più le motivazioni necessarie dopo un lavoro di un anno che non ha portato alcun successo. La strategia del Catania, è quella di proseguire il cammino con un mix giusto di giovani e uomini d’esperienza, una combinazione che in Serie C finora ha funzionato. Ma adesso serve pure parlarsi. Per definire strategie, rinforzi e stimoli. Rinnovabili o meno si vedrà.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy