ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Progetti nel cassetto

Catania, il canale tv non nasce mentre il sito ufficiale va in panchina

Catania, il canale tv non nasce mentre il sito ufficiale va in panchina

Le carenze di comunicazione assumono proporzioni mai viste prima per un club blasonato come il Catania

Redazione ITASportPress

Tutto e il contrario di tutto. Quello che ha contraddistinto finora la Sigi, società proprietaria del Calcio Catania, è la mancanza di chiarezza. Il percorso della cordata di imprenditori locali, dallo scorso 23 luglio 2020, è costellato da annunci, proclami e promesse non mantenute. E' mancata la chiarezza anche con i tifosi che sono stati chiamati in causa nel momento di bisogno e poi abbandonati. Ci sono tante contraddizioni in questi quasi 15 mesi di gestione e l’ultima della lunga serie di bugie, è quella del cambio al vertice del Cda della Sigi. L’azionista di maggioranza Gaetano Nicolosi ha parlato da presidente senza mai esserlo. Si è fatto intervistare da presidente sapendo di non salire a bordo della nave che fa acqua da tutte le parti. Chi conosce bene Nicolosi, sostiene che ha fatto questa scelta perchè vuole rimanere "eroe" e non vuole essere colui che sarebbe chiamato, nel caso in cui si sprofondi, a portare i libri in tribunale decretando la fine di una storia di passione e amore iniziata nel 1946. Scenario che nessuno si augura ma il futuro del club non è certamente roseo.

SCATOLA VUOTA - Purtroppo è mancata sin dall’inizio una vera e propria strategia e tutto va a rotoli. Persino il sito ufficiale del club di via Magenta, che prima era il luogo principale a cui i tifosi si rivolgevano per ottenere informazioni di qualsiasi tipo sulla squadra, oggi è poco più di una scatola vuota. Contenuti non aggiornati o pubblicati spesso saltuariamente e statistiche relative ancora alla scorsa stagione. Manca roster della prima squadra 2021/22 e tutte le informazioni dello staff tecnico. In una realtà fortemente iperconnessa, il mondo online del calcio rossazzurro è rimasto in panchina. Un grave errore non valorizzare sul proprio canale digitale il contesto sportivo che invece poteva rappresentare una grande opportunità per rafforzare non soltanto la propria visibilità, ma anche la relazione con il tifoso. E pensare che in conferenza stampa, lo scorso 18 agosto, è stata annunciata da un socio della Sigi, l’apertura a settembre di un canale tv. Siamo a ottobre e non c'è nulla. Anche questa è un’altra bugia propinata dalla Sigi ai suoi magici tifosi.

tutte le notizie di