Catania, la Sigi dice sì alla Figc: via il concordato

Sembra arrivare da Roma una notizia positiva da via Magenta

di Redazione ITASportPress

La nuova dirigenza del Calcio Catania sembra aver imboccato la strada giusta per andare avanti a vele spiegate verso la nuova stagione di Serie C. C’è infatti una schiarita sul futuro del club. L’ostacolo del 5 agosto potrebbe essere superato tranquillamente grazie all’arrivo di soldi freschi immessi da alcuni soci che serviranno a pagare gli stipendi e la fideiussione di 350 mila euro e poter presentare regolarmente l’iscrizione al campionato di terza divisione.

CONCORDATO

Inoltre, stando a quanto trapela da Roma, i vertici della Federazione hanno questa mattina imposto ai nuovi proprietari del club etneo di abbandonare il concordato preventivo e passare al regime normale anche se si subirà l’azione dei creditori. Motivazioni della Figc sono dovute alla impossibilità di dialogare con una società calcistica cristallizzata e costretta a chiedere ogni cosa (preoccupava maggiormente la parte tecnica) ai commissari del Tribunale per andare avanti. Una richiesta lineare della Figc che ha trovato d’accordo i soci della Sigi Spa che hanno fatto capire che prenderanno la decisione definitiva nelle prossime ore, ma è certo che il concordato sarà abbandonato. Questa procedura è una sorta di scudo che permette di difendersi dall’azione dei fornitori che vantano crediti, ma la dirigenza del Calcio Catania liberandosene potrà gestire il club a mani libere con scelte proprie senza andare a chiedere ai due commissari, (la commercialista etnea Letizia Guzzardi e l’avvocato Antonio Rossi, professore associato di Diritto commerciale a Bologna) ogni cosa, dagli acquisti di calciatori allo spostamento di un bus della squadra giovanile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy