ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Catania, le tre carte di Baldini ma Tacopina ha fretta di apparecchiare la tavola

A Torre del Grifo si va a testa bassa

Redazione ITASportPress

"Dov’eramo rimasti? Bacchetta magica: via i cattivi pensieri sul futuro del Catania oggi più che mai solido dopo la lettera dell’Agenzia delle Entrate. Chiamiamolo miracolo, chiamiamolo successo della Sigi, così grande da pensare di stampare sulle maglie rossazzurre il logo dell’ente istituzionale come sponsor unico. Questo è l’extra campo. Il Catania riparte da quattro, le quattro vittorie consecutive, dal gol di Russotto all’Avellino a quello di Zanchi al Potenza una striscia che è valsa una mazzata alle ambizioni delle rivali. Ma Francesco Baldini non si ferma e lavora per la quinta a Catanzaro. L’ha detto ai giocatori, pensiero fisso e ragionamento chiaro che accompagna il Catania. Il piano B (non più quello di Tacopina ma quello promozione) è...non avere un piano. È accelerare subito per non vanificare il grande sforzo in salita. Ma ci sono due montagne da scalare, ovvero le trasferte di Catanzaro e Foggia, oltre alla gara in casa con la Casertana.

 (Getty Images)

"TUTTO D'UN FIATO - Tre vittorie in venti giorni. Non è un film, è una corsa a mille all’ora verso l’obiettivo. Con due sottotitoli: mantenere almeno immutato il vantaggio sulla Juve Stabia ma soprattutto chiudere la regular season al quarto posto. Domenica, Covid permettendo, si apre la prima settimana chiave per la volata al quarto posto. Diciassette giorni, per l’esattezza: Catanzaro, Casertana e Foggia, coefficienti di difficoltà medio-alti almeno a giudicare dall’aspetto tecnico. Per carità, non ditelo a Baldini: le insidie sono ovunque. Ma nove punti in diciassette giorni potrebbero davvero rappresentare la pietra tombale sulle ambizioni di rimonta altrui e conquistare il primo posto fuori dal podio.

" LE TRE CARTE - Baldini ha raggiunto una convinzione, a proposito del suo Catania. È una squadra che non può correre il rischio di gestire. Al contrario: i rossazzurri hanno iniziato a volare quando a testa bassa, dopo il ko contro Palermo, Teramo e Turris si sono gettati sull’unico obiettivo importante rimasto a disposizione. Così dovrà accadere da qui in avanti. Il pallino ce l’ha in mano Baldini. Ma la sua tabella di marcia prevede solo accelerazioni pronto a giocarsi tre carte per curare al meglio la volata playoff. La prima, le motivazioni: ai giocatori il tecnico ha parlato chiaro. Ha detto che è arrivato il momento di raccogliere i frutti del lavoro di un mese. Non è stato fatto ancora niente, fin qui e i playoff diranno tanto. Ma questo gruppo ha la voglia di tagliare il traguardo con calciatori di esperienza. Seconda carta: la forma fisica. La squadra di Baldini fisicamente sembra in crescita. L’esempio più recente è il Catania della partita scorsa contro il Potenza. Terza carta: il turnover. Il tecnico ha a disposizione la rosa di buon livello tecnico. Presto (tra Catanzaro e Foggia) riavrà pure qualche importante calciatore. La rotazione sarà fondamentale: da qui in avanti il Catania giocherà tre partite in campionato da metà aprile al 2 maggio, poi playoff da brividi tutti nel mese della Madonna. Obbligatorio far ricorso a tutta la rosa. Ma rispetto a inizio stagione, adesso tutti sanno e hanno dimostrato di poter essere utili. Si respira un’aria buona, a Torre del Grifo. Se la gusta anche il futuro presidente Joe Tacopina: l'avvocato ha fretta di apparecchiare la tavola per le feste.

tutte le notizie di