Catania, Lo Monaco: “Io gestisco il club. Pronti per la nuova stagione e presi nuovi calciatori”

Catania, Lo Monaco: “Io gestisco il club. Pronti per la nuova stagione e presi nuovi calciatori”

Le parole dell’ad rossazzurro in sala stampa

di Redazione ITASportPress

Conferenza stampa questa mattina a Torre del Grifo, dell’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco. Queste le dichiarazioni più importanti del dirigente etneo:

ACCUSE – “Ho letto cose assurde in questi giorni su di me e sul club: qui si gioca con il Catania e allora bisogna fare chiarezza. Vedo lo stesso atteggiamento di condanna del 2012. Ora non me ne vado come successe nel 2011 e poi sapete tutti cosa è successo: io gestisco il Catania che non ha bisogno di giudici. Molti usano la penna per attacchi personali. Cose gravissime e parlo di quei giornalisti che scambiarono un calciatore del Catania con uno del Lecce (Russotto con Pacilli ndr). Qualcuno qui gioca col Catania che è una azienda seria. Accetto le critiche dopo l’uscita dai playoff, analisi legittime perchè li facciamo anche noi, ma non quelle ad arte per gettare fango. Abbiamo pagato il rendimento di giocatori che non hanno reso quest’anno secondo le aspettative. Ciò nonostante siamo usciti dai playoff senza perdere e con la regola dello scorso anno saremmo passati noi e non il Trapani. Per la nuova stagione siamo avanti e abbiamo preso già i calciatori. Quest’anno abbiamo difettato nel non saper creare uno spirito di gruppo purtroppo”.

CAMPIONATO – “Non è andata bene in questa stagione per il salto di categoria, ma ripartiamo subito. Il Catania oggi dopo appena tre anni di mia cura, è una società rispettata e per certi versi anche temuta. Adesso ripartiamo perchè l’idea nostra è di ricostruire e di riappropriarci di territori più consoni. Il Catania nel 2016/17 ha sostenuto una spesa di 3 milioni come monte stipendi, nell’anno successivo 3 milioni e seicento mila euro. Quest’anno abbiamo speso le stesse cifre. Il Catania ha risanato con i soldi della proprietà. L’eccedenza è stata usata per concorrere a pagare i debiti. Oggi il Catania è forte”.

FUTURO – “Con Sottil ne parleremo, ma abbiamo avviato contatti con nuovi allenatori. Lucarelli non torna. Il Catania ha una buona rosa e molti saranno confermati mentre ci saranno dei giocatori che andranno a cercare altrove fortuna. Curiale, Silvestri, Manneh, Sarno, Calapai e Di Piazza rimangono. Pisseri potrebbe andare via. Aya non ha voluto rinnovare e vorrà dire che ha una sua strada da percorrere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy