ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Il caos

Catania, Nicolosi abbaia come cane a guardia di ovile ma sa che le pecore sono scappate

Catania, Nicolosi abbaia come cane a guardia di ovile ma sa che le pecore sono scappate

La crisi finanziaria del Catania è gravissima ma nessuno fa nulla per scongiurare il fallimento

Redazione ITASportPress

Tutta la Catania sportiva e non solo ormai è stufa dei soliti teatrini dove i soci della Sigi da qualche mese non fanno altro che rimpallarsi colpe e responsabilità. La realtà è che nessuno vuole metterci più soldi e in atto c'è il fuggi fuggi generale dei soci con pec. che partono a raffica per ufficializzare il disimpegno. La spallata l'ha data Angelo Maugeri alla Sigi, una uscita che ha generato un botta e risposta con gli attori principali irritati, ma che non ha portato nulla di positivo.

UOMO SOLO AL COMANDO - L'azionista di maggioranza Gaetano Nicolosi ha affidato al quotidiano La Sicilia una dichiarazione inutile, scontata e fuori luogo. "Ricapitalizziamo tutti entro lunedì, nessuno escluso e salviamo il club oppure vadano via tutti i soci e continuo da solo". Ma da solo c'è già da giorni Nicolosi che sembra abbaiare come un cane a guardia dell'ovile ben sapendo che le pecore sono scappate. Che senso ha una dichiarazione del genere oggi quando sa bene che i soci sono già fuori? Metta 3 milioni Nicolosi e vada avanti da solo almeno fino al termine della stagione. Intanto c'è da fare i conti con il presente che obbliga la società al pagamento degli emolumenti a calciatori e staff. Ci riusciranno a pagare gli stipendi ed evitare altri due punti di penalizzazione? Tra qualche ora lo scopriremo.

UNICA STRADA - Senza soldi immediati, il futuro, inevitabilmente, si chiama fallimento. Uno strumento giuridico che, se tempestivamente attivato, potrebbe salvare il nome, il simbolo e la sua storia. La scelta però è volontaria. Lo abbiamo scritto ieri e lo rimarchiamo oggi per invitare la Sigi a salvare il club con un fallimento "volontario" che consentirebbe in poco tempo - attraverso un asta - la soluzione del problema ed inoltre liberarsi definitivamente di tutti i debiti che rappresentano un peso troppo pesante da sostenere. Le Norme consentirebbero anche alla Co.Vi.Soc (art. 87 delle NOIF) di convocare il board e non solo del Calcio Catania per esaminare la situazione amministrativa, economica, finanziaria e contabile.

tutte le notizie di