ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

L'asta

Catania, nuova denominazione, budget e investitori: le ultime

Catania i tifosi Getty Images

Pubblicato il bando per l’asta fallimentare per la cessione del Catania: da martedì 11 gennaio fino a venerdì 11 febbraio si potranno presentare le offerte

Redazione ITASportPress

Il tribunale di Catania ha pubblicato questo pomeriggio il bando per l'asta fallimentare per la cessione del Calcio Catania. Da martedì 11 gennaio fino alle ore 12 di venerdì 11 febbraio si potranno presentare le offerte, che dovranno partire da una base d'asta di un milione di euro, con un rilancio minimo di 50mila euro. Nella relazione allegata nel bando per la vendita del titolo sportivo del Catania, ci sono vari elementi positivi, ma quello che agli occhi di un investitore è quello più importante si trova nel capitolo: Valutazione Azienda Sportiva Calcistica, ovvero la rosa della squadra è pari a zero. Cosa usuale in Serie C visto che non ci sono club che acquistano calciatori. Il nuovo proprietario potrà così fare un progetto tecnico tutto suo senza ereditare giocatori dalla precedente gestione. 

Denominazione - Il debito sportivo è di quasi 3 milioni che comprende gli stipendi di novembre e dicembre dei calciatori e le relative tasse sui contratti. 600 mila euro sono gli emolumenti che vanno pagati entro il 16 febbraio ed ecco perchè è stato deciso di mettere la data dell’asta giorno 11 febbraio. Il nuovo investitore dunque pronti via deve sborsare un milione e mezzo.  La società potrebbe anche chiamarsi Catania Calcio srl e questo avrebbe un impatto importante per i tifosi.

Budget - Il valore dell’investimento, tutto incluso, dovrà essere di almeno 10 milioni di euro complessivamente di cui 6 per puntare nella stagione 2022/23 alla Serie B.  

Investitori - Secondo quanto appreso da Itasportpress, uno studio legale milanese, lo stesso che ha fatto acquistare il Cesena a un investitore estero (la Jrl Investement Partners LLC)  questo pomeriggio ha preso visione del bando del Catania e si è messo subito al lavoro. Si spera che lo studio legale meneghino trovi l’investitore estero o italiano che dovrà presentare l’offerta per prendersi il Catania.

tutte le notizie di