CATANIA, oggi Marino e il Vicenza risolvono il contratto. Le cifre. Su Brighenti…

di Redazione ITASportPress

Tra il Vicenza e Pasquale Marino potrebbe arrivare presto (già nella giornata di martedì) la firma sulla risoluzione del contratto che lo lega alla società berica fino al 2016. Marino dice no ad un prolungamento di contratto su base triennale a 400 mila euro a stagione per tornare in Sicilia, a Catania, dove ha fatto bene dal 2005 al 2007 (una promozione in A e una salvezza). 

Il tecnico siciliano guadagnerà, per allenare i rossazzurri, sempre 400 mila euro ad annata, ma firmerà un contratto biennale

Intanto le due società, a quanto si apprende, hanno praticamente finalizzato lo scambio Moretti-Brighenti, con il primo che passa interamente al Vicenza (con un riscatto fissato a circa 400mila euro) e il secondo a fare il tragitto inverso (per una cifra vicina ai 500mila)

C’è un piccolo retroscena sulla ‘telenovela’ dell’estate rossazzurra. Secondo quanto riporta la webzine locale Biancorossi.net, Marino avrebbe detto di no all’inserimento nella trattativa di Giacomelli, attaccante, classe ’90, volendo a tutti i costi il centrale difensivo, classe ’89.

Manca, però, ancora l’accordo con l’agente di Brighenti: le parti stanno trattando, c’è ancora qualcosa da limare, ma ci sono sensazioni positive. L’affare si farà e mercoledì, al massimo giovedì, Catania e Vicenza faranno partire i fuochi d’artificio e annunceranno i rispettivi allenatori.

Se a Catania si è praticamente certi dell’arrivo di Marino, in Veneto si stanno vagliando diverse soluzioni con Mangia e Di Carlo in ballottaggio per succedere al tecnico di Marsala, mentre Asta, Corini e Sannino sono decisamente più staccati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy