Catania, per il ripescaggio c’è una data da cerchiare in rosso

Catania, per il ripescaggio c’è una data da cerchiare in rosso

Cresce l’attesa in città per la sentenza della Caf

di Redazione ITASportPress
logo Catania

La prossima settimana sarà decisiva per il futuro del Catania, che attende di sapere se giocherà in serie C o in serie B. Il ripescaggio è possibile grazie al ricorso presentato dal Novara, accolto dal Tribunale Federale Nazionale, che ha rimesso in corsa gli etnei. Questo però  ha determinato la dura reazione di Ternana, Siena e Pro Vercelli che si sentivano pronti a prendere il posto di Bari, Cesena e forse Avellino. Il 31 luglio, è previsto il verdetto del Collegio di Garanzia del Coni, che avrà il compito di esaminare i ricorsi presentati da Avellino e Bari. Il primo è stato per ben due volte bocciato dalla Co.Vi.Soc., mentre il secondo, già fallito, ha chiesto comunque di essere riammesso in B. In quest’ultimo caso le possibilità di successo sono pressochè nulla, mentre le quotazioni del salvataggio degli irpini sono in rialzo. Il giorno dopo, esattamente nel pomeriggio del 1 agosto, è il più importante per i tifosi del Catania. A partire dalle ore 14, la CAF esaminerà i ricorsi presentati dalla Corte Federale (FIGC) da società come Ternana, Siena e Pro Vercelli contro la sentenza emessa il 17 luglio dal Tribunale Federale Nazionale che ha riabilito il Novara (insieme al Catania) nella graduatoria dei ripescaggi. Da questa sentenza dipenderà il destino degli etnei. La Figc confida che la Corte d’appello federale ribalti il pronunciamento del Tfn, che ha accolto il ricorso del Novara, imponendo al commissario Fabbricini di cancellare la norma che escludeva dai ripescaggi le società che avessero subito nei tre anni precedenti una sanzione per stipendi, ritenute e contributi non pagati. Da quanto trapela da Torre del Grifo, il ricorso della Figc non complica i piani del Catania visto che questo passaggio era previsto. Per questo i dirigenti etnei mantengono un cauto ottimismo.  E’ chiaro che Ternana, Siena e Pro Vercelli in caso di mancato ripescaggio potrebbero ricorrere alla magistratura ordinaria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy