Catania, Piccolo si presenta: “Mi ispiro a Ronaldo. Girone molto competitivo”

Le parole del nuovo acquisto degli etnei

di Redazione ITASportPress

Il Catania accoglie Antonio Piccolo. Un colpo importantissimo per il club etneo che si assicura le prestazioni di un giocatore esperto, capace di lasciare il segno in Serie B con la Cremonese. Il giocatore ha avuto modo di farsi conoscere nel corso della trasmissione “Corner”: “Quando chiama una piazza come Catania è difficile dire di no. Nonostante qualche richiesta, ho accettato subito. E’ una piazza troppo importante. Sono stato felicissimo. Ha dimostrato subito di volermi. Purtroppo per la situazione Covid non ho potuto allenarmi con la squadra in attesa dell’esito del tampone. Torre del Grifo? In molti me ne avevano parlato. Penso che in Italia ci siano pochi centri sportivi paragonabili. Può competere con quello delle grandi squadre. Ruolo? A differenza dell’ala sinistra, giocando a destra posso rientrare e andare al tiro. Mi sono ripreso completamente dall’infortunio, mi manca il ritmo partita. Ci serviranno velocità, corsa e capacità di cogliere i momenti importanti di una partita. La parte mentale sarà importantissima, specialmente quando si giocherà ogni tre giorni. Sicuramente il fattore pubblico contava. E’ un dispiacere non avere una cornice di pubblico. Ora questo fattore si è azzerato in piazze importanti. Speriamo che i tifosi possano tornare presto”.

CRESCITA

Poi Piccolo si sofferma sul percorso di crescita del Catania: “E’ un percorso di crescita. Ci sono stati tanti cambiamenti. Pian piano dobbiamo cercare di portare Catania a competere per una classifica importante per giocarsi il campionato nel miglior modo possibile. Ci sono molti margini di crescita. Il girone C di Serie C è sempre il più difficile. Ne ho fatto uno con il Foggia. Quest’anno è molto livellato, ci sono molte squadre con organici importanti. Dovremo scendere in campo con attenzione perché anche le corazzate possono perdere molti punti per strada. Basta vedere cos’è successo al Perugia che è incappato in una sconfitta pesante. E’ una Serie C molto competitiva, soprattutto nel nostro girone. C’è tanta concorrenza in squadra, ma ho rispetto per allenatore e compagni. E avere tanta qualità è un vantaggio”.

MODELLO

Infine un commento sui suoi modelli: “C’è tempo per migliorare. Fin da piccolo il mio idolo era Ronaldo il Fenomeno. Mi sono ispirato molto a lui. Poi ho preso spunto da Messi. Mi avvicino di più alle sue caratteristiche. Ma il giocatore-simbolo è sicuramente Ronaldo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy