ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Serie C

Catania senza Moro è altra storia e il Foggia vince in rimonta

Catania senza Moro è altra storia e il Foggia vince in rimonta

Sipos sciupa l'impossibile e il Foggia vince nel finale

Agatino Santapaola

Per la terza volta nella sua storia il Foggia ha vinto a Catania. Un successo per 2-1 giunto in rimonta per la squadra di Zeman che va via dal Massimino con l'intera posta in palio nonostante una media di età di quattro anni più bassa dei padroni di casa (27 vs 23). I satanelli imbottiti di calciatori che lo scorso anno hanno giocato in Serie D, hanno avuto la maglio grazie ai gol di Gallo e Ferrante in questa sfida della 14a giornata di Serie C. Il Catania ha sciupato con Sipos diverse opportunità per raddoppiare dopo il vantaggio di Russini nel primo tempo e nel finale è stato punito da Ferrante che si è procurato un rigore che lui stesso ha trasformato al 94'.  Etnei hanno messo coraggio e determinazione e sono stati accorti nel saper sfruttare tutti gli errori della retroguardia pugliese. Nel corso dei 90' però, forse colpa del terreno di gioco pesante, si è visto poco calcio con due squadre che hanno faticato nella costruzione sbagliando facili passaggi anche a distanza di un metro. Un Foggia non zemaniano ma molto macchinoso ha trovato due reti sfruttando due calci piazzati. Il Catania senza Moro è un'altra storia e oggi si è visto contro un avversario non trascendentale. Ercolani peggiore in campo per i rossazzurri. La sconfitta interrompe una striscia di sette risultati utili.

CRONACA - Il Foggia ha cominciato meglio la gara con più intraprendenza ma senza arrivare dalle parti di Sala. Il Catania invece sornione alla prima accelerazione ha trovato il gol con Russini al suo quinto gol stagionale che ha sorpreso Alastra con un tiro a fil di palo alla destra del portiere. Il Foggia ha lasciato campo ai rossazzurri anche dopo lo svantaggio. Tantissimi gli errori di palleggio dei rossoneri che hanno faticato in costruzione e difatti gli attaccanti mal serviti non sono riusciti a impensierire Sala. Una invenzione personale di Curcio ha portato il primo pericolo ai padroni di casa. Lo stesso numero 10 con un bel cross ha servito Tuzzo che di testa ha spedito fuori da ottima posizione. E’ stata questa l’ultima occasione di un primo tempo poco spettacolare con l’unica emozione del Massimino, il gol etneo. Mai vista traccia del Foggia ‘zemaniano’ in 45’. Niente pressing, ne velocità, nessun inserimento di difensori e centrocampisti e pochissimi palloni puliti. Meritato il vantaggio del Catania che ha beneficiato degli errori della retroguardia ospite. 

RIPRESA - Ad inizio del secondo tempo, Zeman ha tolto l’evanescente Maselli e l’attaccante Merkaj mandando in campo Gallo e Ferrante. Tuccio e il neo entrato Ferrante sfiorano il pareggio ma anche il Catania con Sipos è andato vicino al gol. Tanti errori dei giocatori del Foggia anche nella ripresa con tocchi anche dalla breve misura sporchi. Il pareggio dei pugliesi è arrivato sugli sviluppi di una punizione ribattuta da Sala con Gallo che ha messo in rete. Nella parte finale del match tanti cambi e poco calcio. Il Catania non è riuscito a ripartire bene e anche il Foggia macchinoso non ha fatto meglio. Sipos ha avuto diverse occasioni ma ha sbagliato clamorosamente. Tante palle perse e il risultato è cambiato nel finale. Ferrante si è procurato il rigore che ha trasformato per la vittoria del Foggia. 

IL TABELLINO:

CATANIA-FOGGIA 1-2

CATANIA (4-3-3): Sala; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Ropolo; Rosaia, Maldonado (82' Cataldi), Izco (64' Provenzano); Ceccarelli (82' Albertini), Sipos, Russini (64' Biondi). A disp.: Stancampiano, Borriello, Pino, Panarello, Russo, Bianco, Tropea. All. Baldini.

FOGGIA (4-3-3): Alastra; Martino, Sciacca, Di Pasquale, Garattoni; Maselli (46' Gallo), Petermann, Garofalo (79' Ballarini); Tuzzo (79' Rizzo Pinna), Merkaj (46' Ferrante), Curcio. A disp.: Volpe, Di Jenno, Girasole. All. Zeman.

ARBITRO: Giaccaglia di Jesi (Piedipalumbo-Lisi).

MARCATORI: 16' Russini, 67' Gallo, 94' Ferrante (rig)

NOTE: ammoniti Peterman, Garofalo, Maldonado, Curcio

Catania-Foggia: 3.556 spettatori al “Massimino” (1.034 abbonati, 2.522 spettatori muniti di biglietto). Incasso: 31.676 €

Catania senza Moro è altra storia e il Foggia vince in rimonta
tutte le notizie di