Catania, si è spenta Grazia Codiglione la ‘nonna’ dei tifosi

Fu per quattro anni anche presidente del club

di Redazione ITASportPress
Il mondo rossazzurro piange la scomparsa di Grazia Codiglione, vedova dell’ex presidente del Catania Calcio, Angelo Massimino, che si è spenta oggi all’età di 90 anni. Molto conosciuta e apprezza per aver ricoperto il ruolo di presidentessa dal 1996 al 2000, la Codiglione era considerata la “nonna” dei tifosi etnei, nonostante apparisse poco in pubblico. Questo il comunicato del Calcio Catania:
Il Calcio Catania piange la scomparsa di Grazia Codiglione, 
presidente dal 1996 al 2000. 
 
In quel periodo, pur immersa nel grande dolore per la perdita dell’amato consorte Angelo Massimino, la donna più importante della nostra storia disse e promise: “La squadra rossazzurra si è sempre identificata con Massimino e la famiglia non si tirerà indietro”. Così fu. 
La presidente Codiglione trovò la forza necessaria per tenere in vita il nostro club e per riportarlo in Serie C1: realizzò così nel 1999, sorretta e coadiuvata nell’operatività e nella quotidianità dalle figlie, dai generi e dai nipoti, il desiderio del Cavaliere. 
 
Anche le successive fortune sportive del Calcio Catania affondarono le radici in un grande atto di lungimiranza, amore e generosità compiuto dagli eredi di Angelo Massimino: nel 2000 il club fu ceduto ai Gaucci, che lo riportarono in B nel 2002.  
 
Di Grazia Codiglione ricorderemo sempre questi successi ma anche e soprattutto i valori umani, la naturale gentilezza e lo stile, sobrio ed energico.
 
In occasione della gara con la Virtus Francavilla, il Calcio Catania ha richiesto alla Lega Italiana Calcio Professionistico l’autorizzazione ad osservare un minuto di raccoglimento prima del fischio d’inizio e ad apporre la fascia in segno di lutto sulle maglie dei calciatori rossazzurri. 
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy