ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

La speranza

Catania, Sigi che fai? C’è già qualcuno che aspetta il via…

Catania (getty images)

Tutta Catania con il fiato sospeso in attesa che la Sigi faccia il versamento di 600 mila euro

Redazione ITASportPress

Ogni giorno, ogni ora per la Catania sportiva potrebbe essere quella della svolta. Il precipizio è vicino ma anche la nuova alba perchè nessuno vuol credere che i soci della Sigi non verseranno i 600 mila euro che servono per poter andare avanti con l'esercizio provvisorio e poi con la vendita all'asta del titolo sportivo.

INVESTITORI ALLE PORTE - Ci risulta che ci sono pronti due investitori molto interessati al club etneo che aspettano solo l'asta per manifestarsi. Non si tratta di sprovveduti o di gente che vuole fare solo business alle pendici del vulcano. In particolare una cordata è composta da dirigenti che masticano calcio e con un passato anche in club di primo livello di Serie A, società, tanto per essere più chiari, che al momento lotta per lo scudetto. Il progetto è serio ma si aspetta il via libera del Tribunale. Si tratta di imprenditori convinti di avere in mano le carte giuste per vincere la partita con basi solide e tanti soldi da investire a Catania.

RISCHI - I tempi tecnici per un rilancio in grande stile del Catania ci sono tutti. Si spera che l’operazione vada in porto, anche se ogni minuto ormai sembra diventato decisivo. Se non ci si dovesse riuscire, il Catania e i suoi tifosi dovranno assistere impotenti alla revoca dell’affiliazione. L’effetto sarebbe l’esclusione immediata dal calcio professionistico per i rossazzurri e una Serie C a 19 squadre con il congelamento dei punti ottenuti dai club che l’hanno affrontati.

FIATO SOSPESO - È evidente che tutti, non solo a Catania, si stiano augurando un finale diverso. Una piazza così importante merita di continuare la sua strada, con la dignità che appartiene alla città di Catania. La Sigi rifletta bene visto che mancano appena quattro giorni alla scadenza dei termini per rimettere i soldi nelle casse del club, ma a quanto ci risulta, i soci della controllante del Catania non hanno ancora le idee chiare.

FERRAU' - Stamattina l'avv. Ferrau' è stato contattato da Itasportpress ma ha preferito non aprire bocca. Rispettiamo il suo silenzio, ma forse sarebbe stato meglio tacere in questi quasi due anni bui per evitare di farsi smentire dai fatti. Avremmo voluto fare queste domande:

1) Avv. Ferraù, come mai avete preso questi soldi dalle casse del club che era senza un euro tanto da aver rischiato di non potersi scrivere al campionato? 

2) Perchè avvocato avete preso dei soldi che sarebbero serviti per evitare la figuraccia della messa in mora?

Questo è il vero dramma rossazzurro, non avere le risposte che tutti attendono. Adesso tutto si dovrà decidere entro 96 ore circa, un tempo davvero minimo se consideriamo che in ballo c’è il destino di un club nato settantacinque anni fa e che porta con sé l’anima calcistica di un’intera città. Che ora vive in ansia.

 Catania Ferrau e Nicolosi
tutte le notizie di