Catania, Tacopina a ISP: “Franco Zuculini primo colpo di mercato ma altri calciatori contattati. Top sponsor in arrivo e…”

Con una dirigenza competente, uno stadio efficiente e grazie alle enormi potenzialità della città, il Catania Calcio può tornare a essere la grande novità del calcio italiano

di Redazione ITASportPress

Negli Stati Uniti già riescono a seguire in diretta le partite del campionato di Serie C. Questo grazie a un accordo tra il canale Serie C TV di cui è proprietaria la Lega Pro, assieme ad Eleven Sports e Mister C un soggetto idoneo a perseguire l’obiettivo di massimizzare la distribuzione delle partite della terza serie calcistica italiana. Questo agevolerà anche il lavoro di Joe Tacopina l’avvocato italo-americano che sta per acquistare il Catania Calcio per farlo diventare un  club di alto livello ma anche un marchio vincente nel vasto territorio nordamericano. L’investimento sul Catania è stato pianificato in prima persona dallo stesso tycoon, affiancato da professionisti statunitensi per la gestione del marketing e degli aspetti commerciali, e da dirigenti italiani per la gestione sportiva. Insomma il presidente a stelle e strisce pensa in grande, lo ha sempre fatto: a Venezia ha promesso la serie B in tre anni, è arrivata in due a Catania farà lo stesso. Ai microfoni di Itasportpress.it, Tacopina parla della trattativa con la Sigi, dello stadio Massimino e anche di calciomercato. 

Tacopina, l’avvocato Arena dialoga con i rappresentanti legali della Sigi. Che novità ci sono?

“L’avv. Salvo Arena ha un dialogo aperto con i rappresentanti legali della Sigi, per trovare la quadra per il contratto preliminare. Speriamo di poterlo firmare prima possibile, ma ci sono tante condizioni che devono incastrarsi al meglio. Sigi deve ridurre il debito, sanno che deve essere scritto nel contratto: questa è la cosa principale, ovviamente. Inoltre non abbiamo ancora un accordo per l’affitto dello stadio Massimino, e questo è fondamentale anche. Mi sono incontrato con il sindaco Pogliese per parlarne e per trovare un accordo, visto che quello “giornaliero” a noi non va bene, quindi cercheremo un affitto di lunga durata”. 

La firma del contratto preliminare potrebbe arrivare prima di Natale? 

“Stiamo valutando le cose normali che si fanno di solito quando si perfeziona un affare, ovviamente questo contratto è un po’ più complicato per colpa di tutto il debito che c’è attorno. Non è come acquistare una squadra o un club normale, qui c’è un debito enorme che dobbiamo poi accollarci. Spero che il contratto possa essere firmato prima di Natale ma non mi fa molta differenza che accada subito o un po’ più avanti. L’importante è concludere e penso che in qualche modo ce la faremo”.

Tacopina

Catania potrebbe essere un ottimo investimento per rilanciare il suo modello di business nord americano?

“Assolutamente sì, questo è quello che abbiamo intenzione di fare, sto portando manager che conoscono il modello di business sportivo nord americano, i flussi di entrate, il lato marketing che spesso viene trascurato qui in Italia e anche il flusso di entrata del giorno della partita. Ovviamente il Covid ha frenato un po’ questo aspetto ma il futuro non sarà sempre incerto come questo. Applicheremo il modello di business americano che è basato su 3 principi ben precisi e di egual importanza: le entrate dai media (diritti tv), le entrate dei biglietti delle partite e il marketing in generale (maglie e merchandising) e col Catania che è un brand importante crediamo di essere in grado di fare cose davvero importanti”.

I giocatori del Catania andranno sempre con abiti ufficiali e in giacca e cravatta prima delle partite?

“Non mi piace quando i tecnici vanno in panchina con un paio di jeans o un paio di sneakers. Preferisco vadano con la divisa della società che rappresentano e lo stesso sarà per la squadra. Vogliamo dare una bella immagine del Catania Calcio. Le divise ufficiali per me sono obbligatorie e importantissime. In ogni club in cui sono andato l’ho imposto essendo una componente fondamentale per la costruzione del proprio brand”

Il Catania sarà sponsorizzato da Nike?

“Io ho portato Nike a Roma e ho avuto Nike anche a Venezia. Ho una buona e forte relazione con la multinazionale statunitense, ma Giovanni Gardini ha anche lui forti relazioni con grosse aziende di abbigliamento e accessori sportivi come Puma o Kappa. Io ho altre relazioni anche con Under Armour. Il Catania, ripeto, è una squadra che merita un top sponsor in quanto è uno dei più grandi team italiani. Così per riprenderci il nostro valore mi sembra giusto avere sponsor come Nike, Puma, Under Armour ecc”. 

Zuculini (Getty Images)

Parliamo di mercato, ci risulta che il centrocampista ex Bologna Franco Zuculini potrebbe essere il primo acquisto di gennaio. Conferma?

“Sì è uno dei miei preferiti. Sono già stato in contatto con lui. Franco sarebbe molto felice di venire a Catania. Anche altri giocatori lo sarebbero. Il Catania è una squadra che attrae molti calciatori. Per l’atmosfera, il clima, il tifo. È un progetto interessante. Franco è una possibilità, dobbiamo vedere come sta fisicamente ma è uno di quelli che mi piace per le sue caratteristiche da leader”.

Il Massimino diventerà uno stadio per grandi eventi all’aperto?

“Una delle cose di cui abbiamo parlato io e il sindaco Pogliese è proprio la creazione di un Village per i tifosi. Come ho fatto per la Roma. Fuori dal Massimino c’è tanto spazio, un luogo per i tifosi sarebbe perfetto per consentire a loro e alle famiglie di andare anche qualche ora prima della partita. La gara è un evento che deve essere divertente, e anche prima ci deve essere spettacolo. Con musica, cibo e bevande. Catania è una delle città più importanti d’Italia. Pensiamo anche a investimenti importanti come l’organizzazione di concerti o altre manifestazioni simili all’aperto. Abbiamo tanti progetti e speriamo di realizzarli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy